Roma, allarme buche: 250 bus rotti al giorno

Lunedì 12 Marzo 2018 di Lorenzo De Cicco

Nei depositi dell'Atac si lavora a ritmi serratissimi, in questi giorni di corse sull'asfalto sfarinato. C'è un handicap: l'annunciata stretta sulle officine, per farle lavorare a pieno regime 24 ore su 24, come vorrebbe il presidente e ad Paolo Simioni, per ora rimane solo un disegno di carta, parole scritte nel piano spedito al Tribunale fallimentare con la richiesta di concordato. E nulla più. Va detto che, pur con i vecchi turni, nelle rimesse si macinano riparazioni su riparazioni. Solo così la situazione del trasporto pubblico di Roma, almeno quello di superficie, evita il collasso. Certo la via per garantire un servizio appena sufficiente è strettissima, al solito, tra mezzi obsoleti e ricambi al lumicino perché i fornitori sono spazientiti dalle lungaggini sui pagamenti.

«MANCANO I PEZZI»
Il rischio del colpo finale, da kappaò, è arrivato con l'ultima emergenza buche, che sta moltiplicando i numeri dei malfunzionamenti. Sospensioni spezzate, ammortizzatori fuori uso, piattelli che si sbeccano e pneumatici rotti. Un filotto di guasti. Quasi 250 al giorno, secondo le stime più prudenti dei sindacati. Non tutti i malfunzionamenti, per fortuna, bloccano i mezzi per l'intera giornata, perché gli operai dell'Atac provano a fare miracoli col materiale a disposizione, ma è sempre una corsa sul filo e contro un nemico, l'asfalto avariato delle strade romane, che a ogni scrosciata di pioggia diventa più ostico; le fosse nel catrame rispuntano o si allargano e le ditte ingaggiate dal Campidoglio per rabberciarle arrivano sempre dopo.

ZERO ACQUISTI NEL 2018
«È una guerra contro il tempo, mancano i pezzi», racconta un meccanico di Tor Pagnotta. Tocca arrangiarsi con quello che c'è. Anche perché il piano industriale al vaglio dei giudici, pur prevedendo nei prossimi anni l'approdo nei garage dell'Atac di quasi 700 navette nuove di zecca, certifica anche che nel corso del 2018 la flotta rimarrà la stessa, nessun nuovo ingresso nelle rimesse. Non è una scelta, ovviamente, fosse per i manager di Atac gli autobus arriverebbero subito, ma bisogna rispettare i tempi burocratici delle commesse pubbliche. Bisogna soprattutto armarsi di pazienza, quindi. E sperare che gli operai che rattoppano i crateri procedano svelti. C'è un altro intralcio: dall'8 marzo non lavorano più i carri attrezzi privati che si occupavano di ritirare i bus fermi per strada, per riportarli nei depositi. Ora dovrebbero occuparsene gli addetti dell'Atac, che però non sono ancora stati formati del tutto. Anche in questo settore, per evitare il caos, bisognerà schiacciare sull'acceleratore.
 

Ultimo aggiornamento: 13 Marzo, 07:46 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

«Portami al concerto trap». E la mamma prova a saltare

di Raffaella Troili

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma