Roma, cade nella tromba dell'ascensore della metro: morto bimbo di 4 anni

Giovedì 9 Luglio 2015 di Marco De Risi
37

Un bambino di 4 anni è morto dopo essere caduto nella tromba dell'ascensore della stazione Furio Camillo della metro A di Roma. Inutili i soccorsi degli operatori del 118. Quando è stato estratto dai vigili del fuoco dalla tromba dell'elevatore il piccolo era ormai deceduto.

Il bambino, Marco, ha fatto un volo di una decina di metri. A quanto si è appreso, la mamma, Francesca, 43 anni, e il piccolo erano rimasti bloccati nell'ascensore che dai tornelli di ingresso portano alla banchina al piano inferiore. L'elevatore era pieno di gente quando improvvisamente si è bloccato. Fra la gente ci sono stati malori e attacchi di panico.

A quel punto sembra, è stato riferito da alcuni soccorritori, che per aiutare le persone a uscire un addetto alla sicurezza abbia utilizzato un altro ascensore affiancandolo a quello blocato. E dopo aver aperto una porta di comunicazione avrebbe fatto passare i passeggeri intrappolati uno ad uno da un elevatore all'altro. Tra i due ascensori c'era però uno spazio al centro e quando è toccato a Marco, il piccolo è precipitato nel vuoto facendo un volo di oltre dieci metri.

La donna è stata soccorsa dal personale del 118 ed è in stato di shock. Il padre, Giovanni, che vive con la famiglia in via Cesare Baronio, zona Appia, era al lavoro in una libreria di via Veneto ed è stato avvertito dai carabinieri dopo l'incidente.

«È una tragedia e basta: c'è un bambino morto e una persona coinvolta. Un'idea ce la siamo fatta: è un errore umano ma aspettiamo chi è preposto a fare i rilievi», ha detto l'assessore alla Mobilità, Guido Improta. «La dinamica dovrebbe essere questa - ha spiegato - c'è stato un affiancamento con un altro ascensore, un trasbordo mettendo in atto una procedura non codificata: è stato un eccesso di generosità dell'agente di stazione che poi si è trasformato in una tragedia».

«Ho sentito urla e pianti, una situazione agghiacciante, e ho visto un uomo con la divisa tipo da controllore che era steso a terra svenuto nel gabbiotto vicino all'ascensore - ha raccontato Sara, una studentessa romana -. Ho chiesto a un poliziotto e mi ha risposto che c'era stato un incidente proprio con l'ascensore. Poi dall'altoparlante qualcuno, con una tono di voce da persona in preda al panico, ha annunciato che dovevamo lasciare la metro. Ho letto solo dopo che era rimasto ucciso un bambino».

Sulla vicenda sono comunque in corso indagini dei carabinieri e la Procura ha aperto un'inchiesta. Gli inquirenti procedono per omicidio colposo. Al momento il procedimento, coordinato dal procuratore aggiunto Pierfilippo Laviani è contro ignoti. Gli inquirenti hanno posto sotto sequestro l'impianto dell'ascensore e delegato i carabinieri per una serie di accertamenti. «Ci sono delle telecamere e il materiale è stato messo a disposizione della magistratura», fa sapere l'Atac.

«Sicuramente c'è stato un errore dell'agente della stazione che ha posto in essere una procedura che non doveva, forse perché c'erano condizioni di difficoltà e alla fine c'è stata la tragedia», ha detto l'assessore ai Trasporti Guido Improta.

Sul posto è arrivato anche il sindaco Ignazio Marino che ha parlato con la madre.

Sconvolto il dipendente presente al momento dell'incidente che è stato colto da malore e assistito, assieme alla madre del piccolo, dal personale del 118. Testimoni dicono di avere visto i vigili del fuoco, avvezzi ad ogni tragedia, piangere.

«Il sentimento che provo è di sgomento, perché se un bambino di 5 anni muore il tema delle cause è secondario - ha sottolineato -. Esprimo la mia vicinanza a chi vive una condizione di dolore e strazio».

E in segno di lutto il Campidoglio ha stabilito per stasera un minuto di silenzio durante gli spettacoli nei più importanti luoghi di cultura di Roma: dal Teatro dell'Opera all'Auditorium, Santa Cecilia. Mentre è stato annullato il dibattito con il presidente Zingaretti e sospese tutte le iniziative previste per questa sera alla Festa de L'Unità di Roma.

Ultimo aggiornamento: 10 Luglio, 08:47