Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Aumentano le violenze sui minori: in 4 anni cresciute di 7 volte

Aumentano le violenze sui minori: in 4 anni cresciute di 7 volte
3 Minuti di Lettura
Lunedì 11 Novembre 2013, 15:24 - Ultimo aggiornamento: 15:41
Pi di 2500 famiglie seguite dal sevizio sociale dell’Ospedale Pediatrico Bambino Ges. Un numero triplicato dall’inizio della crisi economica: nel 2007 i casi seguiti erano inftti circa 800. Ma non solo. In soli 4 anni sono aumentati di ben sette volte soprattutto i casi di maltrattamento, abuso e abbandono di minori rilevati dal servizio sociale: 7 casi nel 2009, 51 nel 2012.



E’ lo scenario disegnato nel corso del convegno "Disagio sociale e periferie esistenziali, riflessioni ed esperienze a confronto", promosso dall’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù in collaborazione con la Pontificia Università Lateranense e il Centro per la Pastorale della Salute del Vicariato di Roma.

L’incontro ha messo a confronto le diverse le professionalità che operano nel sociale - medici, pedagoghi, psicologi, assistenti sociali, giuristi, religiosi - per analizzare l’emergenza delle famiglie con problemi sociali ed economici che si trovano a dover affrontare un lungo periodo di ospedalizzazione del figlio e per proporre strategie di contrasto.



Il servizio sociale dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù, composto da una squadra di assistenti sociali, opera all’interno del servizio Accoglienza della direzione sanitaria. Il gruppo si occupa di valutare la situazione sociale e familiare dei bambini ricoverati, della presa in carico e della dimissione dei lungodegenti, dei minori in condizione di abbandono e dell’attivazione della rete di protezione della famiglia al termine del ricovero. Gli assistenti sociali del Bambino Gesù, inoltre, si inseriscono nel percorso clinico dei piccoli pazienti con sospetto maltrattamento e abuso.



I NUMERI In poco più di 10 anni il numero delle famiglie seguite dal servizio sociale è passato da meno di 400 (erano 390 nel 2001) a oltre 2500 (2.588 lo scorso anno). Il trend crescente delle famiglie con bambino ricoverato che versano in condizioni di disagio sociale ed economico ha subìto un’impennata a partire dall’inizio della crisi economica: nel 2007 le famiglie seguite erano 796, solo un anno dopo il 90% in più, vale a dire 1517.

Quasi 2.000, invece, le famiglie seguite nei primi 10 mesi del 2013. Di queste circa il 45% è di nazionalità straniera. Anche il dato che riguarda i nuclei familiari stranieri è in crescita: nel 2001 erano 113, nel 2012 sono arrivate a 1108.





LO SCREENING DEGLI ABUSI Anche su questo fronte nel corso degli anni si è registrato un significativo aumento: dai 7 casi totali del 2009 (3 maltrattamenti e 4 abbandoni) si è passati ai 51 del 2012 (40 maltrattamenti, 7 situazioni di abuso e 4 casi di minori in condizione di abbandono). Da gennaio a ottobre 2013 sono stati seguiti 26 casi di cui 8 minori in condizione di abbandono e 18 casi di maltrattamento.



LE INIZIATIVE Per contenere e contrastare le situazioni di disagio sociale, il Bambino Gesù ha ideato una serie di strumenti, iniziative e servizi ad hoc. Parte integrante del processo di cura dei bambini è il sistema di accoglienza grazie al quale i nuclei familiari vengono seguiti e supportati da personale dedicato dal momento del primo accesso in Ospedale sino a oltre le dimissioni del piccolo paziente. Attraverso il servizio di Accoglienza, ad esempio, nel 2012 è stato possibile garantire oltre 100 mila notti gratuite in albergo, case famiglia e altre strutture ricettive a più di 4.500 famiglie.
© RIPRODUZIONE RISERVATA