Le "Avventure in città" di Enrico Gregori con Manolo Guerazzi

Enrico Gregori
7 Minuti di Lettura
Giovedì 4 Ottobre 2018, 10:46 - Ultimo aggiornamento: 12:27

Oltre agli articoli di nera, ai romanzi e alle recensioni musicali, una volta la settimana Enrico Gregori firmava la rubrica Avventure in città, per anni seguitissimo "fogliettone" della prima pagina della Cronaca del Messaggero. Fra i personaggi più presenti il piccolo Manolo Guerazzi.

Tema: la mia famiglia

”Io so' Manolo Guerazzi e faccio 'a quarta. Mi' padre se
chiama Remo Guerazzi e fa l'imbriaco.

Quando che s'arabbia pija mamma a carci.

Mi' fratello se chiama Ermete e io e lui stamo sempre a
litigà perché lui è un puzzone, io je tiro er cortello
der pane e lui me tira lo scopettone der cesso. Allora
mi' padre pe' mette pace ce tira li piatti a tutteddue.

Ma lui c'ha sempre li sordi in saccoccia perché venne la
stagnola co' dentro la farina pe' fa li dorci.

'Na vorta un polizziotto je coreva appresso. Mi'
fratello Ermete ha detto che quello c'ha un amico
pasticcere e nun vole che nessuno venne la farina pe' fa
li dorci. Ammazza che mascarzoni 'sti polizziotti. Però
se a mi' fratello je danno un sacco de botte e lo
gonfieno come 'na zampogna io so contento.

Pure mi sorella Monica c'ha li sordi. Mi padre dice che
fa 'e marchette. Io allora ho chiesto a mi' sorella che
so' 'ste marchette, e lei m'ha detto che sarebbe come 'a
collezzione de li francobbolli. Allora so' annato da mi'
padre e j'jo detto che da granne vojo fa' 'e marchette
pure io perché me pare proprio 'na cosa divertente. Però
lui ha preso a carci pure a me.

Ma nun stamo sempre a fatica'. L'estate annamo ar mare,
ma solo de domenica. Però er mare nun se vede bbene,
perché c'è sempre un macello de ggente che lo copre.

Appena arivamo pijamo le sdraie e l'ombrelloni. Ma nun
so' li nostri. So' de quelli che vanno a fa' er bagno.
Quanno torneno mi padre je dice ”levete dalle palle
sinnò te scrocchio”. E le sdraie diventeno nostre.

Ecco, questa è la famijia mia e io spero che ve piace”.


Lettera a Babbo Natale

CARO Babbo Natale, io so' sempre Manolo Guerazzi e te
scrivo pure quest'anno. Però devi sta' 'n campana,
perché sei mesi fa ho cambiato casa e mò sto a via
Pirzio Biroli. Speramo che c'hai er navigatore così nun
t'arincojonisci a cerca' 'sta strada. Allora, devo di'
che so' stato fortunato, 'nfatti er governo ha deciso de
tene' più basse 'e tasse pe' l'elicotteri così me ne poi
porta' uno. Certo, pe' differenza hanno dovuto aumenta'
er prezzo de 'e sigherette e 'nfatti c'è mi' fratello
Ermete che siccome fuma parecchio, sta 'ngrifato come
'na pantera. Però, 'nzomma, lui è già tanto fortunato
perché pure 'sto Natale lo riesce a passa' da uno de
l'amici sua tanto nobbili. Quest'anno l'ha 'nvitato er
Re de Bibbia perché se vede che quell'artra amica sua,
'a Reggina dei Celi, sarà annata 'n ferie da quarche
parte. Comunque mi' fratello Ermete c'ha la passione pe'
'n tipo de zucchero fino fino che ce gira sempre co' le
saccocce piene de bbustine. Mo' pare che pe' motivi de
sicurezza quanno è annato dal Re de Bibbia, j'hanno
levato tutto quello che c'haveva addosso. Allora si tu
lo trovi, porteje 'n po' de quello zucchero che je piace
tanto.

A mi' madre, 'nvece, je potresti porta' 'n vocabbolario.
Me sa che je serve, perché tutte 'e vorte che parla co'
mi' padre la sento di' «ao', io co' te ho finito 'e
parole, nun so più che ditte». Magari cor vocabbolario
po' trova' quarche cosa de novo. A mi' sorella Monica
come ar solito je serve 'n po' de robba pesante pe'
coprisse, speciarmente le cosce. Ao', io però mica
capisco, a le regazze come lei che de notte lavoreno
sulla Salaria pe' posteggia' le machine de quelli che
vanno a li ristoranti, ma nun je potrebbero passa' 'na
tuta de lana, 'mbottita? Certo, lei er freddo lo
sopporta bbene perché 'na vorta che j'ho detto «ma nun
te potresti copri'», m'ha risposto che me devo 'mpara' a
parla' quanno pisceno le galline. Vabbe', comunque vedi
'n po' te quello che poi fa'. Basta che t'aricordi che
sto a via Pirzio Biroli.


Tema: vacanze finite, si torna a scuola.

Ecchime qua, io so' sempre Manolo Guerazzi e ce so' le
novità perché mo' sto 'n prima media. 'A scola è più
grande e me ce trovo bene.

Mi' fratello Ermete, invece, se dev'esse iscritto a
un'Università de quelle cattoliche. Ho sentito da mi'
madre che se chiama Reggina Celi, però pure questa
dev'esse come tutte l'Università 'ndove li fascisti e li
communisti se danno 'n sacco de botte. 'Nfatti mi'
fratello è stato accompagnato all'Università da li
carabbigneri.

Io ho detto a papà che da grande vojo anna' alla stessa
Università de mi' fratello, e mi' padre m'ha dato 'na
zampata ar culo.

Pure mi' sorella Monica ha ripreso la scola. Lei e
l'amiche sue so' obbligate a avecce 'na specie de
divisa, co' 'a minigonna e le bocce de fori. Mi' sorella
dice che 'sta scola sta a Tor di Quinto e sarebbe
all'aperto. Io ho detto che d'inverno deve esse 'n
macello perché piove e fa freddo. Ma Monica m'ha detto
che quanno è brutto tempo lei va direttamente a casa der
professore e che le lezzioni le fa lì.

Allora ho detto a mi' padre se era più contento che da
grande annavo alla scola de Monica. Ma lui m'ha tirato
la spianatora de legno pe fa' 'e fettuccine.

Allora ho capito che mi' padre nun è tanto d'accordo che
continuo a studia' e preferisce che me trovo 'n lavoro.

Così ho detto a mi' madre che io vorrei fa' 'o stesso
lavoro de papa'. Lei m'ha detto che allora me devo
'mparà a beve 'a sambuca e a gioca' a tresette. Io ho
detto che er tresette me piace, ma 'a sambuca no, e
magari me bevo er chinotto.

Mi' madre m'ha detto che je sembro deficente. Comunque
'ntanto finisco 'e medie e poi se ne riparla.


Tema: la mia villeggiatura

”Io so' sempre Manolo Guerazzi. Pe' la villeggiatura noi
se semo 'n po' sparpajati.

Mi' padre ha detto a mi' madre e a mi' sorella “annate
‘ndo ve pare basta che ve levate da mezzo”.

Mi' fratello Ermete è riannato in vacanza a quella
bottega de via della Lungara.

Ma dev'esse pericoloso assai quer posto, perché ogni
vorta che ce va ce lo accompagneno li carabbigneri. Io
vorei sape' che je dice er cervello a anna' in un posto
'ndove se po' rischia' 'a vita!

Vabbè, io 'nvece so' ito in villeggiatura a Saracinesco
co' la parocchia. Er prete m'ha detto “ah, tu sei della
nostra parrocchia, ma a te chi t'ha visto mai?”.

C'ha raggione lui. L'unica vorta che so' stato alla
chiesa era per funerale de mi' nonno. Ma io so' rimasto
fori a gioca' a scaracchi co' l'amici. Perché me rompo
che quanno a uno je fanno er funerale dicono sempre “era
bbono, era bbravo, je volevamo tutti bbene”.

Mi' nonno, ‘nvece, era ‘n disastro. Fumava li sigari pe'
tutta casa e a tavola rottava. Tutti je dicevamo “mo'
qua' bocca t'a cucimo si nun la fai finita”. Da quanno
nonno è morto la casa puzza de meno.

Saracinesco è un paese piccolo piccolo. Però c'è la
piazza dove tutte le sere ce so' li giochi.

L'antra sera c'era ‘na gara a chi coreva deppiù. Io ho
pensato che se c'era mi' fratello Ermete vinceva de
sicuro perché quanno che je coreno appresso li
polizziotti me pare 'n treno.

Ieri sera invece è arivato ‘na specie de mago. Se
chiamava Ganimede e diceva che sapeva vola'. “Allora
vola ammoriammazzato”, j'hanno detto. E quello se n'è
annato”.


Tema: il primo amore.

”Io so' sempre Manolo Guerazzi.

Stante che Camilla Bianchi Del Drago c'ha sempre la
puzza sotto ar naso, allora pe' la prima vorta che
dovevamo usci' insieme ho chiesto quello che dovevo da
fa' a mi' fratello Ermete.

Ho dovuto aspetta' che lui tornasse da sei mesi de
villeggiatura. Che poi io mica l'ho capito dove è annato
in vacanza. Mi' madre ogni tanto diceva “vado a via
della Lungara a porta' 'e camicie pulite a Ermete, che
lì a bottega nun lo tratteno come mamma sua”.

Boh, mo' uno va a fa' le ferie dentro a un negozio a via
della Lungara? Me pare strano.

Però quanno è tornato lui m'ha detto che tutte ‘ste
ragazzine ricche e ristocratiche giocheno a fa' le
sofistiche, ma sotto sotto je piace fasse spupazza'.
Allora Ermete m'ha detto de anna' da lei e metteje
subbito 'e mani addosso.

Mo', a di' ‘a verità, a me me pare ‘na cosa bbrutta. Io
ho visto li firm che ce sta lui che dice tutte cose
romantiche e lei che je s'appollaia sulla spalla e
cominceno a dì cicci, cucci, pucci e gnè.

Allora io me so' presentato da Camilla co' cinque
margherite che l'avevo riccorte sur prato speranno che
li cani nun c'aveveno pisciato sopra. E poi c'avevo ‘na
scatola de Moscerì al liquore.

Io so' arivato e Camilla ha preso li Moscerì e le
margherite e ha buttato tutto da ‘na parte. Poi m'ha
chiesto si me la spupazzavo tutta.

Mi' fratello Ermete è sempre un puzzone. Però come
conosce le donne lui...”
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA