Piazza Vittorio, carabinieri aggrediti da romeno armato con una scheggia di vetro

Controlli a piazza Vittorio (foto Caprioli/Toiati)
2 Minuti di Lettura
Domenica 20 Agosto 2017, 15:14

Banconote false, spaccio di marijuana e hashish, un tentativo di aggressione alle froze dell'ordine. E' di sette persone arrestate il bilancio dei controlli dei carabinieri della Compagnia Roma Piazza Dante a piazza Vittorio, cuore pulsante del rione Esquilino sempre più affogato nel degrado. Nella sola giornata di ieri i militari hanno portato in caserma sette persone tra piazza Vittorio Emanuele II e via Cappellini.

Un cittadino del Mali di 32 anni, con precedenti, è stato sorpreso mentre tentava di pagare il corrispettivo di alcune consumazioni in un bar utilizzando una banconota da 50 euro risultata falsa. Non solo: quando i militari lo hanno controllato, il 32enne è stato trovato in possesso anche di una bustina contenente 15 g di marijuana. Per questi motivi, l’uomo è stato arrestato con le accuse di spendita e introduzione nello Stato di monete contraffatte e detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

Sempre in piazza Vittorio Emanuele II, i carabinieri hanno sorpreso un cittadino del Gambia di 23 anni, nella Capitale senza fissa dimora e con precedenti, mentre stava tentando di piazzare delle dosi di marijuana e di hashish. In via Cappellini,   hanno arrestato 4 cittadini nigeriani di età compresa tra i 19 e i 22 anni, tutti con precedenti e nella Capitale senza fisa dimora, sorpresi durante mentre stavano parlottando con fare sospetto tra loro. Dopo averli tenuti d’occhio, i militari hanno deciso di controllarli, trovandoli in possesso di 131 g di marijuana. L’accusa per loro è di concorso in detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

I carabinieri sono intervenuti anche in un bar in piazza Vittorio Emanuele II, dove era stata segnalata la presenza di una persona che stava disturbando i clienti e i dipendenti dell’esercizio. Alla vista dei Carabinieri l’uomo, un 49enne romeno con precedenti, è andato in escandescenze e, dopo aver rotto un bicchiere di vetro, si è avventato sui militari nel tentativo di colpirli con un coccio. Prontamente bloccato, i Carabinieri lo hanno arrestato, per resistenza e minaccia aggravata a Pubblico Ufficiale, e lo hanno portato in carcere a Regina Coeli. Gli altri arrestati sono trattenuti in caserma in attesa di essere sottoposti al rito direttissimo. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA