Alloggi popolari in Centro, la metà degli inquilini non paga o è irregolare

Martedì 16 Febbraio 2016 di Mauro Evangelisti
Il cinquanta per cento delle case popolari del Comune di Roma è occupato irregolarmente. È uno dei risultati più eclatanti della indagine in corso in Campidoglio sul primo lotto di 574 alloggi, spesso affittati per pochi spiccioli, in centro storico. In estrema sintesi: nella metà dei 300 alloggi Erp (edilizia residenziale pubblica) esaminati fino ad oggi sono emersi problemi, dal reddito troppo alto alla morosità, che mettono a repentaglio il diritto all'assegnazione. Poi, certo, negli uffici di Roma Capitale, invitano alla prudenza, visto che non è dimostrato che questo campione abbia un valore statistico e che sia specchio fedele della totalità dei 24mila appartamenti Erp del Comune. Inoltre, è necessario evitare un clima da caccia alle streghe, perché ci sono anche inquilini che hanno diritto all'alloggio a causa di un reale stato di necessità. Tutto questo premesso, però, colpiscono anche altri numeri: ad oggi sono 31 le unità abitative per le quali sono già state avviate le procedure di rilascio dell'immobile che, detto in termini burocratici, significa sgomberi degli appartamenti. In quattordici casi, da dicembre ad oggi, sono già stati eseguiti, gli inquilini non abitano più in quelle case. In media, ogni giorno, emergono circa 5 casi per i quali è necessario avviare questo tipo di procedura, anche se poi vi sono tempi tecnici che stanno rallentando l'operazione.

L'ISTRUTTORIA
Ma ripartiamo dai dati diffusi ieri da Roma Capitale. La task force che sta esplorando la galassia fuori controllo delle case del Comune, ha cominciato il suo lavoro concentrandosi su un primo lotto di 574 abitazioni, in centro storico, spesso in zone di prestigio, a volte affittate per 7,5 euro al mese. Di queste 574, quelle che rientrano nella classificazione di Erp, vale a dire quelle che erano destinate a cittadini in stato di bisogno, sono circa 300. Bene, spiegano dallo staff del commissario straordinario Francesco Paolo Tronca: «Nella metà dei casi è in corso la verifica della documentazione prodotta per disporre l'eventuale decadenza: decreti di rilascio mai eseguiti, procedure pregresse non concluse, assenza di contratto o titoli di ingresso risalenti agli anni '80, redditi di gran lunga superiori ai massimi previsti (anche oltre i 250.000 euro) o possesso di proprietà immobiliari. Poco più di un terzo delle posizioni risultano regolarmente contrattualizzate, ma sono in corso le ricognizioni su eventuali morosità».

Cosa significa? Semplicemente le irregolarità più significative riguardano i redditi degli inquilini, che non sono mai stati controllati, e che sono a volte decisamente più alti di quelli che dovrebbero dare diritto a una casa popolare. Addirittura c'è chi vive nelle case popolari del Comune, ma è proprietario di altri immobili. In altri casi il decreto di rilascio era stato firmato, cioè l'irregolarità era stata accertata e quindi l'inquilino doveva andarsene, ma poi il Campidoglio era rimasto a guardare, senza intervenire. Perché è importante fare pulizia? Perché in questo modo si può aiutare chi ha realmente bisogno. Dicono in Campidoglio: «La riassegnazione delle abitazioni interesserà gli aventi diritto inseriti nelle graduatorie del 2000 e del 2012». Già 52 alloggi sono stati riaffidati.

  Ultimo aggiornamento: 08:52

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Livercool vs A.C. Tua, quando il Fantacalcio imbarazza il nonno

di Raffaella Troili

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma