Roma, le iniziative di Natale per non lasciare i bambini senza giocattoli

Due le iniziative messe in campo nella capitale il “Rigiocattolo” organizzato ogni anno dalla Comunità di Sant’Egidio

Da Rigiocattolo a Giocattolando le iniziative per un giocattolo per tutti
di Raffaele Marra
3 Minuti di Lettura
Martedì 6 Dicembre 2022, 17:32

Non esiste per un bambino, un Natale senza giocattoli. Questo è lo spirito delle iniziative romane di questo periodo e cioè “un giocattolo per tutti”. Due le iniziative messe in campo nella capitale il “Rigiocattolo” organizzato ogni anno dalla Comunità di Sant’Egidio con la vendita di giocattoli da parte delle Scuole della Pace (usati ma rimessi a nuovo), il cui provento porterà ai bambini dell’Africa subsahariana la cura per l’Aids e i centri nutrizionali per i più piccoli. A questa stessa iniziativa Sant’Egidio ha affiancato quella per i bambini dell’Ucraina martoriata dalla guerra. Durante gli appuntamenti del Rigiocattolo infatti sarà possibile consegnare un gioco nuovo che sarà spedito in Ucraina e distribuito dai volontari di Sant’Egidio presenti nelle varie città del Paese. Le date romane saranno l’8 dicembre in Piazza del Popolo dalle 10 alle 19 e il 22 dicembre presso la Parrocchia Santo Spirito in Via Cesare Pavese dalle 15:30 alle 17. 

Roma, l'albero di Natale a piazza Venezia e l'orrore dei pannelli solari (foto di Fabiana Calvo/Ag.Toiati)

La seconda iniziativa, che mira sempre a non lasciare nessun bambino senza il suo giocattolo, si chiama Giocattolando, un evento ludico che ha come obiettivo quello di sensibilizzare i più piccoli ad aiutare i bambini meno fortunati. Dal 3 al 18 dicembre tutti i bambini dalle 16.00 alle 20.00 potranno donare i loro giocattoli, nuovi o usati e in buono stato, presso il Punto di Raccolta di fronte al negozio Cisalfa a Parco da Vinci, vicino Fiumicino.  Il 18 dicembre tutti i regali verranno consegnati alla Caritas diocesana di Porta-Santa Rufina (suffraganea della diocesi di Roma, ndr) che da sempre opera nel campo del servizio e della solidarietà ai più bisognosi. «Saremo i destinatari della raccolta dei giocattoli - precisa Serena Campitiello direttrice della Caritas Diocesana Porto-Santa Rufina - poi individueremo i bambini delle famiglie dei nostri Centri di ascolto che sono sparsi su tutto il territorio romano (nel XIII e XIV municipio e quelli di Fiumicino, Cerveteri, Ladipoli, Aranova, Fregene e Cesano) a cui consegneremo i giocatoli».

© RIPRODUZIONE RISERVATA