Killer Prati, la nuova pista degli inquirenti: «De Pau ha premeditato gli omicidi, travestito per non farsi riconoscere»

Le immagini delle telecamere lo mostrano entrare e uscire dalla casa completamente coperto nonostante la temperatura mite di quel giorno

Killer Prati, la nuova pista: «De Pau aveva premeditato gli omicidi, si era travestito per non farsi riconoscere»
3 Minuti di Lettura
Giovedì 24 Novembre 2022, 14:10 - Ultimo aggiornamento: 25 Novembre, 10:56

Potrebbe essere partito con l'intenzione di uccidere la mattina del 17 novembre Giandavide De Pau, indagato per i tre omicidi commessi nel quartiere Prati ai danni di tre prostitute. È questa la nuova pista al vaglio degli inquirenti. A conferma di ciò il fatto che nelle telecamere, prima del duplice delitto delle due donne cinesi, appare completamente travestito. Un «travestimento» scelto dall'uomo forse per non farsi riconoscere e non essere identificato.

Giandavide De Pau e i video delle cinesi uccise: «Non voglio sentire le grida», durante l'interrogatorio si copre le orecchie

Il video delle telecamere 

Oltre ai due video registrati dal suo cellulare nella casa delle cittadine cinesi, che testimoniano le fasi dell'aggressione mortale, ad insospettire chi indaga anche una serie di fotogrammi carpiti dalle telecamere presenti in zona prima dei fatti di via Riboty. De Pau appare totalmente travisato da mascherina, cappuccio calato e tuta.

Sul punto il gip nell'ordinanza scrive che il soggetto «inquadrato dalle telecamere indossa una giacca tipo piumino di colore azzurro con il cappuccio, dei pantaloni di colore nero, un paio di scarpe da ginnastica di colore nero gommate bianche e uno scalda orecchie di colore nero con dei disegni di colore bianco.

Killer Roma, dalle cinesi urla disperate ma nessuno è intervenuto: negli audio sul cellulare di De Pau 90 secondi di grida

De Pau ha filmato l'omicidio delle donne cinesi. Voleva restare solo con le donne: «Via i clienti, pago di più»

Il doppio omicidio in 41 minuti 

L'uomo, che cammina con andatura veloce, alle ore 09.58 entra all'interno del barda Carletto». « Alle ore 10.01 esce dal bar con un'andatura leggermente barcollante e prosegue il cammino lungo la stessa direzione». Giunto all'altezza del civico 28, lo stabile del primo duplice omicidio, rallenta la sua andatura e alle ore 10.01 entra all'interno.

Lo stesso «uomo viene ripreso mentre esce dallo stabile alle ore 10.41, ossia poco prima che venga trovato il cadavere della donna sul pianerottolo, e ripercorrere a ritroso la strada fatta poco prima.

L'uomo nonostante il clima non particolarmente freddo di quel giorno, è più coperto rispetto al momento in cui era entrato: ha il capo coperto dal cappuccio nero della felpa, che indossa sotto la giacca di colore azzurro, e sopra il cappuccio della felpa calza uno scalda orecchie. Inoltre, indossa una mascherina sul viso e un paio di occhiali da sole e cammina con passo veloce con le mani in tasca e sono visibili aloni di macchie sul giubbotto». 

Killer di Prati, le avances e l'aggressione: la trappola di De Pau alla figlia del boss Nicitra

© RIPRODUZIONE RISERVATA