Roma, degrado a Trastevere: a piazza Mastai tende per dormire e panchine che diventano stendini

Le condizioni igienico sanitarie che affliggono uno dei centri della Roma Eterna sono raccapriccianti

Roma, degrado a Trastevere: a piazza Mastai tende per dormire e panchine che diventano stendini
di Martina Stella
2 Minuti di Lettura
Martedì 29 Novembre 2022, 16:42

Un vero e proprio raccapricciante centro per senzatetto nel cuore di Roma, Piazza Mastai quartiere Trastevere si trasforma in una “casa rifugio” sotto il cielo. Tende per dormire, panchine che diventano stendini, muri che si trasformano in toilette con tanto di fontana utile per lavarsi. Il degrado quotidiano che è costretto a vivere uno dei tanti poli attrattivi e turistici rinascimentali della città è motivo di protesta per i residenti.

Reddito di cittadinanza ai tassisti di Roma, una denuncia per estorsione: autisti Ncc sotto l'effetto di droghe

Trastevere, degrado a piazza Mastai

Già da prima dell’inizio della pandemia per il Covid, la zona tra la Chiesa di San Cosimato e la Basilica di Santa Cecilia è stata presa d’assalto da diverse persone senza una fissa dimora. Uno straziante ma disgustoso mondo in bianco e nero fatto di fantasmi visibili accolto però con totale indifferenza da parte di chi dovrebbe trovare una soluzione. Impossibile non restare scioccati davanti al bivacco che scandisce il ritmo delle giornate di questi vagabondi: riposino e ore pasto vengono consumati tra l’accumulo di indumenti, stracci, lenzuola e cartoni che inquinano l’intera area.

 

Le condizioni igienico sanitarie che affliggono uno dei centri della Roma Eterna sono raccapriccianti. Offendono e disturbano non solo chi vive “civilmente” a pochi metri di distanza, ma anche chi si affaccia o attraversa semplicemente quel tratto di strada, cadendo inevitabilmente in un grottesco scenario degno dei più alti artisti del XVI secolo. Un posto storico inghiottito dalle bottiglie di birra lasciate a terra, dal fastidioso puzzo che emana e spesso palcoscenico di litigi e schiamazzi notturni. L’ennesimo scempio che, da tempo, reclama a gran voce riscatto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA