ROMA

Roma, Storace chiede le primarie del centrodestra: «Pronto a candidarmi»

Venerdì 18 Dicembre 2015
«Nella girandola di nomi che circolano per il Campidoglio, il segretario de La Destra ha voluto mettere nero su bianco la proposta di elezioni primarie per Roma, manifestando anche la propria disponibilità a candidarsi». Lo si legge in una nota sulla lettera aperta di Francesco Storace inviata «a ciascuno dei membri del coordinamento che i partiti del centrodestra hanno formato per la valutazione delle candidature alle amministrative, Giorgetti per la Lega, Matteoli per Forza Italia, La Russa per Fdi».

Storace «invita le forze politiche che vorrebbero mettere in campo una proposta alternativa alla sinistra e ai grillini di dotarsi di regole chiare, in tempi celeri: 'Senza infingimenti, sono lieto che si metta finalmente in moto la macchina della politica per tentare di costruire uno schieramento competitivo», scrive Storace; doverosa «la proposta di elezioni primarie per chiamare a raccolta il popolo del centrodestra, secondo un regolamento da elaborare rapidamente e sul quale è possibile trovare facilmente convergenze». «Per quello che mi riguarda intendo manifestare la mia disponibilità a sottoporre al consenso dei cittadini anche la mia candidatura, sia per il curriculum amministrativo che per il percorso politico - scrive Storace, attuale vicepresidente del Consiglio regionale del Lazio -. Oltre che per un dato di onestà personale facilmente riscontrabile. Senza ovviamente trascurare alcuna altra opzione, con programmi chiari, sulla quale far eventualmente convergere elettori ed elettrici che a me e al mio movimento politico fanno riferimento e che si ritroveranno in una lista elettorale».

Finora «il centrodestra ha evitato ogni confronto con noi, impelagandosi in una girandola di nomi che non ha fatto che aumentare la confusione - aggiunge in una nota -. Marchini, Meloni, Sbai, Vespa, Liguori, ora pure Carlino. Se l'andazzo resta quello di procedere in questa maniera; se si vuole escludere ancora una volta il popolo romano dalla scelta; se l'alleanza rimane quella modello 2008 che escluse La Destra dando vita alla stagione in cui il consociativismo coinvolse centrodestra e centrosinistra nelle loro varie componenti capitoline; nessuno avrà il diritto di sindacare nostre scelte alternative».
Ultimo aggiornamento: 26 Dicembre, 18:06 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Se il figlio non sta mai fermo la soluzione è tre sport in uno

di Mimmo Ferretti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma