Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Roma, ombre sui canili: l'Anac invia le carte a Procura e Gdf

Roma, ombre sui canili: l'Anac invia le carte a Procura e Gdf
3 Minuti di Lettura
Martedì 27 Dicembre 2016, 17:19 - Ultimo aggiornamento: 28 Dicembre, 10:58
Una struttura, quella della Muratella, che anziché andare al nuovo affidatario, sarebbe restata abusivamente in mano all'ex gestore - che continuerebbe a raccogliere fondi e donazioni - con uno strascico di aggressioni e minacce nel giorno fissato per il passaggio di consegne. E sullo sfondo, associazioni che si fanno la guerra a suon di esposti per tentare di garantirsi una fetta di attività. Sono diverse le ombre sulla gestione dei canili comunali della Capitale, un ambito su cui già ad aprile era intervenuta l'Anac, che ora, dopo l'arrivo di nuove segnalazioni, ha integrato la propria attività inviando nuova documentazione alla Procura, alla Corte dei Conti, al nucleo Anticorruzione della Guardia di Finanza, disponendo la convocazione del segretario generale di Roma Capitale e dell'assessore competente per il 18 gennaio prossimo.

Già dall'istruttoria di aprile era emerso che per 15 anni il settore era stato dominato da un sistema di proroghe automatiche senza l'ombra di una gara, e grosse somme erano state assegnate a pochi gestori: somme arrivate a 12,3 milioni di euro nel triennio 2013-2015, per una quota giornaliera assegnata per la cura di ogni singolo cane che ha sfiorato i 13 euro al giorno. Subito dopo il Comune pubblicò un bando di gara. L'Autorità ha ricevuto però nuove denunce di irregolarità e ha chiesto informazioni al Dipartimento tutela ambientale del Comune.

Per il canile di Ponte Marconi, a muoversi è stata la onlus Cucciolissimi.org, affermando che l'Impronta, l'associazione che lo gestisce, ostacola l'adozione degli animali per trattenersi i contributi, pari a 7,20 euro al giorno per cane. Ma il Dipartimento tutela ambiente ha negato tali circostanze e ha sospeso la collaborazione con l'associazione. Il canile di Vitinia, invece, è stato chiuso dal Comune, ma secondo le segnalazioni giunte all'Anac sarebbe in realtà stato abusivamente occupato dall'associazione Mi Fido. Ma i sopralluoghi della polizia locale disposti dal Comune non hanno trovato riscontri in tal senso.

Se il quadro che esce da questi due casi può apparire non del tutto chiaro, la situazione più grave dal punto di vista della regolarità della gestione, è quella del canile della Muratella, il più grande, dove ogni anno entrano sui 2.500 cani. Gestito dal 2003 dall'Associazione Volontari Canile di Porta Portese (Acvpp) in un costante regime di proroga, il 1° maggio 2016 sarebbe dovuto passare al nuovo affidatario, la onlus L'Impronta. Ma il cambio non sarebbe mai avvenuto. Anzi, quando il 1 maggio scorso si sono presentati al canile, gli addetti dell'Impronta e il direttore del Dipartimento tutela ambientale sarebbero stati aggrediti e minacciati, rendendo necessario l'intervento della polizia locale e facendo scattare una un esposto-querela con cui si è chiesto il sequestro preventivo della struttura. Nel frattempo Avcpp avrebbe continuato non solo a gestire la struttura, ma anche a chiedere donazioni anche attraverso l'organizzazione di eventi pubblici. 

 
© RIPRODUZIONE RISERVATA