Roma Multiservizi, Onorato lancia l'allarme: «Giunta Raggi pronta a dare il via a 4.000 licenziamenti»

Onorato
2 Minuti di Lettura
Mercoledì 1 Febbraio 2017, 21:48 - Ultimo aggiornamento: 22:02

«La Giunta Raggi è pronta a dare il via libera ai 4.000 licenziamenti dei lavoratori della Roma Multiservizi». A lanciare l'allarme con un un video pubblicato sul proprio profilo Facebook è Alessandro Onorato, capogruppo Lista Marchini in Assemblea capitolina. 



«Oggi l'assessore alle Partecipate Colomban ha detto chiaramente che i lavoratori della Roma Multiservizi potrebbero essere salvati solo dalla bontà di chi si aggiudicherà i mini-lotti del global service dando la colpa di tale scelta al Tar - continua - Peccato, però, che il Tar abbia bocciato il tipo di gara fatto da Roma Capitale e non abbia mai detto quale strada seguire per garantire i livelli occupazionali e la qualità dei servizi. Tale scelta spetta a chi amministra in Campidoglio».

«In campagna elettorale avevano promesso, per garantirsi i voti degli oltre 4.000 lavoratori e dei loro familiari, che ognuno di loro sarebbe stato internalizzato in Ama e l'hanno continuato a promettere fino a tre mesi fa, con tanto di mozione in Consiglio comunale votata da tutto il M5S - prosegue Onorato - Salvo poi cambiare idea e formulare una nuova promessa anche questa disattesa: quella che la Roma Multiservizi sarebbe diventata al 100% di proprietà del Comune di Roma. Oggi si rimangiano anche questo impegno dando la colpa alla legge Madia».

Sul futuro della società Roma Multiservizi l'assessore Colomban precisa che «c'è un discorso diverso, perché l'ultima sentenza del Tar ci impone di andare a bando e di spezzettare il bando in lotti. In questo momento. Stiamo vedendo con gli avvocati come fare per salvare l'occupazione».

Immediata la reazione dei sindacati: «Se vi è il rischio di licenziamento, la risposta immediata sarà lo sciopero. E subito. Cgil, Cisl e Uil sono pronti a scendere in piazza a fianco dei 4.000 dipendenti di Multiservizi».
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA