Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

L'assessore Gatta: «Le strade della Capitale sono tutte da rifare: il rimedio è applicare la naturopatia nei lavori»

L'assessore Gatta: «Le strade della Capitale sono tutte da rifare: il rimedio è applicare la naturopatia nei lavori»
di Simone Canettieri
2 Minuti di Lettura
Sabato 23 Dicembre 2017, 10:56 - Ultimo aggiornamento: 25 Dicembre, 12:16

Assessore Margherita Gatta, allora esiste. Da quando è stata nominata responsabile dei Lavori pubblici, quattro mesi fa, non ha mai proferito parola. Forse perché l'accusano di essere una fervente no-vax?
«Allora, quella storia mi fece arrabbiare tantissimo».

Girava anche la foto di una sua sosia a una manifestazione davanti al Parlamento.
«Ecco, ovviamente non ero io. Ho però una mia idea sui vaccini. Questa sì».

Sarebbe?
«Sono contro l'abuso: può il corpicino di un neonato sopportare appena nato dodici vaccini? No, è una vergogna».

Sta agitando il complotto delle case farmaceutiche?
«Ognuno trarrà le proprie indicazioni. Io la penso così. Anche perché sono naturopata: sto al quarto anno di un corso. Insomma, sono per le medicine naturali da sempre. Applico questo metodo anche alla mia attività di assessore e sto facendo breccia anche in giunta».

Lei è più grillina della squadra.
«No, via, ce ne sono anche altri come me: Castiglione, Frongia, Lemmetti».

Diceva che vuole applicare la naturopatia ai Lavori pubblici. Come?
«Le strade di Roma sono tutte da rifare, perché finora i lavori sono stati eseguiti male e solo in superficie. Il manto stradale invece è composto da tre strati e se non si interviene alla base, dopo poco si deteriora. Occorre guardare gli organismi nel loro insieme».

E quanto costerebbe rifare tutte le strade di Roma?
«Questo ancora non lo so. In bilancio abbiamo stanziato i fondi per alcuni interventi. Ma bisogna cambiare metodo: serve la naturopatia, ovvero guardare le cose in maniera globale, come se fosse il corpo umano, solo così si guarirà Roma».

Ma c'è un atto forte che rivendica di questi primi quattro mesi?
«Abbiamo fatto partire il bando per la demolizione della Tangenziale. Affidata la gara entro il 2018 interesseremo, magari entro i primi mesi».

È pronta dunque uscire a tornare sulla ribalta mediatica: chiusa la vicenda dei vaccini?
«Ho spiegato come la penso. E da gennaio presenterò il piano con tutti gli interventi».




 

© RIPRODUZIONE RISERVATA