Multe, arriva il super autovelox, da gennaio per i vigili il dispositivo a raggi laser: «Ora +50% di multe» La mappa

Multe, arriva il super autovelox, da gennaio per i vigili il dispositivo a raggi laser: «Ora +50% di multe» La mappa
di Lorenzo De Cicco
2 Minuti di Lettura
Lunedì 11 Dicembre 2017, 07:57 - Ultimo aggiornamento: 21:02

Caro (nel senso di costoso) vecchio flash, addio. Quel gentlemen's agreement che per anni ha permesso agli automobilisti dall'acceleratore facile di sapere in tempo reale quando le loro scorribande oltre i limiti venivano paparazzate dagli apparecchi dei vigili, dal prossimo anno verrà archiviato. Finisce un'epoca, quindi, perché la Polizia locale di Roma è pronta a piazzare sulle strade dalla Capitale, già dai primi mesi del 2018, un super autovelox di ultima generazione, che non avrà bisogno di lampi a illuminare la carreggiata: grazie ai raggi laser gli agenti della Municipale saranno in grado di scorgere le targhe nella notte senza bagliori artificiali.



GRANDI DISTANZE
Al di là dell'aspetto scenografico, gli infrarossi permetteranno ai nostri pizzardoni di intercettare molto più velocemente le macchine che sfrecciano col tachimetro puntato verso l'alto, significa che potranno essere rilevate più infrazioni in contemporanea, aumentando il numero dei verbali. Non solo, questi dispositivi saranno in grado di filmare le auto a grande distanza e immagazzinare tutte le informazioni in un hard disk, per poi trasformarle in verbali. I nuovi autovelox saranno anche più precisi nel leggere cifre e numeri sulle targhe. Quando la visibilità è estremamente ridotta, il margine di errore è minimo. Altro vantaggio, la manutenzione avrà costi più bassi; non è un fattore marginale, considerando che gli apparecchi attualmente in dotazione ai caschi bianchi capitolini finiscono spesso fuori uso per guasti tecnici.

Da novembre il Corpo dei vigili è costretto a lavorare con 12 autovelox su 27, tutti gli altri sono in riparazione, proprio perché «sottoposti a un uso continuativo e gravoso», che comporta una sfilza di «inconvenienti tecnici», come è riportato nei documenti interni del Campidoglio. E ovviamente «il fermo delle apparecchiature - si legge ancora nelle circolari - comporta un mancato introito per l'amministrazione». Ecco perché la Municipale, guidata dal comandante generale Diego Porta, è orientata a fare un investimento sulle nuove tecnologie, che verranno piazzate strategicamente sulle vie di grande scorrimento della città: dalla Colombo alla Salaria, passando per la Cassia, l'Aurelia, via Laurentina, la Pontina e la Pineta Sacchetti, viale Marco Polo.


TEMPI E RICAVI
La sperimentazione dei marchingegni a raggi laser dovrebbe partire già nelle prime settimane del prossimo anno. Del resto la giunta guidata da Virginia Raggi è stata chiara: nel 2018 la lotta agli automobilisti indisciplinati dovrà fruttare complessivamente il 20% in più rispetto all'anno in corso, così è stato messo nero su bianco in una delibera votata dal M5S a fine novembre. Solo sfruttando gli autovelox, l'amministrazione si aspetta di incassare almeno 15 milioni nell'arco del prossimo anno, 5 milioni in più rispetto a quanto preventivato per il 2017; in termini statistici, l'aumento è del 50 per cento.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA