Grillo: «Chiederemo al Papa l'affitto dei Musei Vaticani». Anzaldi (Pd): «L'ha sparata grossa, non sono del Comune»

Venerdì 11 Novembre 2016
3

«Raggi è un'eroina, sono molto soddisfatto». Così Beppe Grillo, in un'intervista a Euronews, ha espresso la sua soddisfazione per l'operato del sindaco di Roma. «È entrata in una superfetazione della corruzione di 50 anni a Roma è una roba gigantesca. Ci sono duecentomila faldoni ammuffiti, sono 66km di faldoni trenta anni di condoni. I Musei vaticani sono del comune e credo che non percepisca nessun affitto, parleremo con Bergoglio a meno che non lo sappia», continua Grillo, «C'è un sistema marcio in ogni ufficio. Raggi ha avuto qualche difficoltà a fare una squadra ma adesso ci darà soddisfazioni. I romani ci dicono di andare avanti. Lei decide da sola, ha contro la regione, il governo ed i flussi bancari».

Non si è fatta attendere la replica di Michele Anzaldi, del Pd: «Grillo, in difficoltà per la vicenda delle firme false di Palermo e per il flop della Giunta M5s a Roma, ricorre a un escamotage di comunicazione sparandola grossa sui Musei Vaticani e dicendo una balla colossale. Come tutti sanno, i Musei Vaticani non sono proprietà del Comune di Roma e non sono neanche su suolo italiano, ma fanno parte della Città del Vaticano, come dice peraltro la parola stessa - afferma Anzaldi - Non tutti, invece, sanno che il Comune ha un patrimonio museale infinito e senza pari, da valorizzare. Perché Grillo non si occupa della totale latitanza della giunta Raggi sulla cultura, dalle grandi mostre, di cui non si ha notizia, al programma degli eventi per il Capodanno e per i prossimi mesi, di cui non c'è traccia?».

© RIPRODUZIONE RISERVATA