Campidoglio, arrivano il cohousing per i nonni

Mercoledì 22 Agosto 2018
Non solo gli studenti, ma anche gli anziani potrebbero vivere insieme. Il modello di cohousing entra a far parte dei progetti di accoglienza del Campidoglio, che ha approvato una delibera che riorganizza il sistema delle residenzialità per anziani tramite un graduale superamento delle case di riposo tradizionali.

I luoghi tradizionali continueranno ad accogliere le persone per le quali le nuove soluzioni non risultino compatibili con i propri bisogni. Ma parallelamente verranno realizzate strutture di accoglienza a gestione familiare oppure in semiautonomia, con diversi livelli di supporto assistenziale, che possano ospitare fino a un massimo di 12 persone.

Due le modalità previste: il cohousing, ovvero convivenze di massimo sette anziani in abitazioni civili, con presenza di spazi e attrezzature comuni; e comunità alloggio, struttura residenziale con ricettività tra i sette e i dodici ospiti che eroga servizi socio assistenziali, finalizzati al mantenimento e al recupero dei livelli di autonomia. 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Lo squillo di Vasco

di Marco Molendini