Bilancio, tregua armata tra M5S e assessore, ma resta l'allarme fondi per i disabili

Sabato 21 Aprile 2018 di Fabio Rossi
I fondi per l'assistenza ai disabili restano congelati, ma arriva una scialuppa di salvataggio per Roma Metropolitane e il via libera al nuovo appalto per il servizio di rimozione delle auto in divieto di sosta. Tra l'assessore al bilancio Gianni Lemmetti e la maggioranza M5S, alla fine, viene siglata una tregua armata. Che permette di far passare le due variazioni al bilancio approdate giovedì in assemblea capitolina ma, al contempo, non curano i maldipancia emersi nel vertice a porte chiuse tra i consiglieri pentastellati e il responsabile dei conti di Palazzo Senatorio.

8,8 mln
I fondi destinati
alla società Roma Metropolitane
per attività urgenti


Pietra del contendere è il budget destinato al dipartimento delle politiche sociali, a partire dal trasporto disabili, mentre dai Municipi già parte l'allarme: «Con questi soldi, pur tagliando le spese al minimo, non arriviamo alla fine dell'anno», dicono dagli uffici delle ex circoscrizioni.

L'ALLARME
La chiave per calmare le acque, almeno per ora, è stata trovata introducendo un nuovo principio «secondo cui l'ente nelle variazioni può istituire accantonamenti al fondo con il vincolo in attesa che vengano destinati definitivamente - spiega Lemmetti - In questo caso lo abbiamo fatto sul sociale e con questo possiamo finanziare il sostegno del dipartimento o dei Municipi». In pratica: i soldi ancora non sono disponibili ma arriveranno, state sereni. Una rassicurazione che serve per portare a casa il risultato - la seconda e terza variazione di bilancio del 2018 - ma che non blinda Palazzo Senatorio dai rischi di una coperta sempre più corta, in un settore così delicato come quello delle politiche sociali.

LA POLEMICA
L'opposizione va all'attacco: «La maggioranza continua a raccontare che i bilanci vengono approvati nei termini, ma questo accadeva già nel 2015 - sottolinea Valeria Baglio (Pd) - È però assurdo continuare a presentare variazioni per cambiare un lavoro fatto evidentemente in fretta. E nonostante i continui cambiamenti proseguono errori e dimenticanze, anche sulla pelle di chi è più fragile». Da Monte Sacro (uno dei due Municipi che andranno al voto il prossimo 10 giugno) è già arrivati l'allarme su «tagli inaccettabili e a danno di centinaia di studenti con disabilità del III Municipio - attacca Paolo Marchionne, ex minisindaco dem - il Movimento 5 Stelle si deve vergognare e rivedere immediatamente il bando di assegnazione dei servizi di assistenza educativa (Aec)».
LA DELIBERA
Il primo documento approvato dall'aula Giulio Cesare, per un valore complessivo di oltre 15 milioni di euro, stanzia circa 8,8 milioni di euro in favore di Roma Metropolitane per l'affidamento di attività urgenti legate alla realizzazione d alcune opere destinatarie di finanziamenti ministeriali, tra cui la manutenzione delle linee A e B della metropolitana. Quasi 5 milioni vengono invece stanziati per effettuare la gara per il servizio di rimozione dei veicoli in divieto di sosta.
  © RIPRODUZIONE RISERVATA