Sblocca Roma, Orfini e Giachetti: «Quaranta mila posti di lavoro in più entro un anno»

Sblocca Roma, Orfini e Giachetti: «Quaranta mila posti di lavoro in più entro un anno»
di Simone Canettieri
3 Minuti di Lettura
Martedì 24 Maggio 2016, 12:54 - Ultimo aggiornamento: 25 Maggio, 15:12
Un miliardo di euro di opere private da sbloccare entro i primi cento giorni di governo del Campidoglio. E altrettanti in un anno. Obiettivo arrivare a 40mila posti di lavoro in più. Ecco lo Sblocca Roma, presentato dal commissario dem Matteo Orfini, dal candidato Pd Roberto Giachetti, dal sottosegretario Claudio De Vincenti e da Lorenza Baroncelli, l'assessore di Mantova chiamata dal Pd a occuparsi di rigenerazione urbana nella giunta dem.

Orfini:
«Abbiamo fatto un censimento delle opere da completare, Maurizio Pucci ha avuto un compito fondamentale. In questa citta' ci sono molti investimenti bloccati, soprattutto nella citta' dolente delle periferie. Come abbiamo spiegato a chi ci ha attaccato, ma se si sfugge ai controlli, sono cose che capitano. Difficolta' amministrative hanno inciso. Dopo Mafia Capitale rallentamento, c'e' un evidente difficolta'.Tre filoni principale: riqualificazione urbana, edilizia sociale e periferie. Il nostro obiettivo e' sbloccare un miliardo nei primi cento giorni. Tre opere a scomputo, sei i piani di toponomi pronti a essere sbloccati, ce ne sono 21 quasi pronti, obiettivo chiudere i piani di zona O, 14 piani di zona, piani di edilizia sociale consentono di offrire lenimento a questa citta'. Sbloccati nei primi cento giorni, nel primo potrebbero essere sbloccati 40 mila posti di lavoro».

Poi è il momento di Lorenza Baroncelli, assessore a Mantova chiamata da Giachetti
«dopo dieci anni di esilio». Che spiega: «Finora Roma non ha avuto visione di sviluppo». Giachetti: «In questa città c'è la paralisi degli investimenti, associo questo lavoro con quello fatto con le cosiddette incompiute. La madre dei problemi è la struttura amministrativa: il tema non sono i dipendenti ma la classe dirigente»

Continua ancora il candidato dem: «Non staremo fermi un solo secondo, metteremo in campo una task force per sbloccare subito le opere per  far ripartire la città. Metteremo i tempi per sbloccare le opere e completare le incompiute. Sarà tutto tracciabile sul sito del Comune, che rifaremo perché ha 25 anni».

Prima di chiudere Giachetti attacca gli altri candidati: «Spero che  siano contenti perché finora c'erano stati solo patti della pajata». De Vincenti: «Stiamo stringendo patti territoriali in tutta Italia, la settima scorsa è stata la volta del Lazio. Si tratta di patti tra istituzioni».
© RIPRODUZIONE RISERVATA