La Regione dà il via libera al progetto “Terminillo Stazione Montana”. Le reazioni del mondo politico

Giovedì 31 Dicembre 2020 di Giacomo Cavoli

RIETI - La Regione Lazio dà il via libera al progetto di "Terminillo Stazione Montana". È dunque ufficiale quanto già anticipato in esclusiva da Il Messaggero il 29 dicembre, con il Tsm che supera positivamente la Valutazione di Impatto Ambientale alla quale era stato sottoposto da parte degli uffici tecnici della Pisana. Una notizia, quella pubblicata da Il Messaggero, che già due giorni fa aveva scatenato le vivaci reazioni delle due opposte tifoserie del Tsm, quella dei sostenitori del progetto e dei contrari, costituita soprattutto dal cartello delle associazioni ambientaliste.

È un lungo documento tecnico, quello con cui la Regione motiva il suo sì al Tsm, comprensivo anche delle prescrizioni con le quali il progetto è stato approvato e che ora dovranno essere studiate a fondo dai progettisti e dagli enti interessati - in primis la Provincia di Rieti i quattro Comuni di Rieti, Cantalice, Micigliano e Leonessa - per capire come dare corso in maniera pratica agli interventi previsti dal Tsm.

La nota della Regione

È terminata con parere positivo la valutazione di incidenza ambientale che riguarda il comprensorio sciistico del Terminillo. Per il via libero definitivo manca un ultimo passaggio amministrativo, previsto entro pochi giorni.

In particolare, spiega Massimiliano Valeriani, assessore all'Urbanistica, «dopo l'approvazione della Valutazione di incidenza ambientale, nei prossimi giorni si concluderà anche il procedimento di Via sul progetto di sviluppo e rilancio del complesso del Terminillo».

«Il progetto di riqualificazione e ampliamento del comprensorio sciistico - per Claudio Di Berardino, assessore al Lavoro e Politiche per la ricostruzione - è stato fortemente voluto dall'Amministrazione Zingaretti e oggi con soddisfazione possiamo descrivere il progetto come una sintesi tra le esigenze di sviluppo turistico nel pieno rispetto del territorio e delle bellezze naturalistiche».

«Un progetto che è anche il risultato di revisioni significative rispetto a quello proposto anni fa e che è stato poi approvato a fronte di un capillare lavoro amministrativo, a tutela di tutti».

«Si tratta di un risultato condiviso - proseguono i due assessori regionali - a cui si è arrivati grazie al metodo fortemente voluto dalla Regione: la concertazione. Abbiamo infatti chiamato intorno a un tavolo le 5 amministrazioni interessate, i sindaci e la provincia, per convenire sulle linee di sviluppo e crescita del Terminillo. Mi preme infine sottolineare che il progetto è inserito anche nel tavolo del Patto per lo Sviluppo dell’area del sisma, con uno sguardo rivolto al più generale rilancio delle aree interne, dell’area del cratere e dello sviluppo, temi che oggi, a causa della pandemia, sono più che mai all’ordine del giorno per contrastare disoccupazione e spopolamento».

Il sindaco di Rieti Antonio Cicchetti

«Questa volta davvero non è esagerato utilizzare il termine storico per definire il risultato raggiunto con l’approvazione del progetto di rilancio del Terminillo. Il territorio, in primis la Città di Rieti, da anni attendeva una svolta e, anche grazie alla nostra Amministrazione che ha rilanciato fortemente l’iniziativa di recupero della montagna, finalmente possiamo dire di avercela fatta. E’ l’ennesima buona notizia per Rieti frutto di un lavoro faticoso ma determinato che sta portando risultati, con l’ambizione di creare un nuovo modello di sviluppo del territorio, per garantire un futuro alle nuove generazioni. Nel ricordare doverosamente che il finanziamento che viene sbloccato oggi fu concesso sotto la guida del centrodestra in Regione Lazio, rivolgo quindi il mio ringraziamento a tutti coloro che hanno dedicato tempo ed energie a questo risultato e un forte augurio alla nostra montagna affinché possa tornare ai fasti conosciuti in un tempo ormai lontano».

Comune di Rieti (Daniele Sinibaldi) e Provincia (Mariano Calisse)

«Un sogno che si avvera! Dopo anni di battaglie la Regione sta per comunicare che potrà partire ufficialmente il progetto di rilancio del Terminillo! Un obiettivo storico del territorio che portiamo a casa perchè ci abbiamo creduto dal primo momento senza mai fare un passo indietro! Una vittoria straordinaria alla vigilia di un nuovo anno che inizia con questa bellissima notizia!».

Il Pd Città di Rieti

«Con il parere positivo alla Valutazione di incidenza ambientale per il progetto Tsm2 si apre finalmente una nuova stagione per il Terminillo e per gli operatori che in questi anni hanno continuato a tenere viva la nostra montagna.
Un ringraziamento a tutti i nostri politici e amministratori che in questi anni, spesso accompagnati da un incredibile scetticismo se non ostracismo, hanno continuato ad impegnarsi per un progetto fondamentale per il rilancio non solo del Terminillo ma anche dell’intero territorio reatino. Un grazie particolare al deputato Fabio Melilli e al consigliere regionale Fabio Refrigeri».

Il deputato Paolo Trancassini (FdI), ex sindaco di Leonessa

«C’eravamo messi  in testa di collegare i due versanti del Terminillo e per questo abbiamo lottato, con forza, con ostinazione e soprattutto non abbiamo mollato mai in questi lunghi anni: nemmeno quando eravamo soli con il battipista davanti alla Regione, o quando abbiamo perso,contro tutti,  il referendum per andare via dal Lazio, o quando venivamo derisi, denunciati e processati (poi assolti) per false testimonianze di arroganti detentori di presunte verità assolute. Non ci siamo arresi ed oggi per Noi è festa. Sí oggi  è festa, perché pur non sapendo con quante e quali prescrizioni, il progetto di collegare le due vallate della montagna di Roma ha avuto  il via libera!!!
Oggi è la festa di tutti quelli che hanno voluto e lavorato per veder realizzato questo sogno e soprattutto è festa per i nostri Territori, per le nostre Comunità e per l’intera Provincia di Rieti. È festa! Buon Anno».

Ultimo aggiornamento: 1 Gennaio, 15:30 © RIPRODUZIONE RISERVATA