Terremoto: sul luogo dove ricostruire
il Grifoni manca visione di prospettiva

Venerdì 4 Agosto 2017 di Mario Bergamini
RIETI - Cuore o testa? Servirebbe la giusta miscela quando si tratta di fare una scelta in grado di ipotecare il futuro di un’intera comunità e garantire l’assistenza sanitaria a migliaia di persone. Quella miscela di logica e sentimenti che non troviamo nel rigido arroccamento del sindaco di Amatrice, Sergio Pirozzi, sulla localizzazione del ricostruendo ospedale Grifoni. Un presidio da edificare quanto prima possibile, più efficiente e con moderna strumentazione sanitaria, ma soprattutto a servizio di un’area vasta e facilmente raggiungibile per portare e dare soccorso.

Assiomi difficilmente confutabili e che mal si conciliano con la decisione di riedificare l’ospedale di Amatrice nella stessa posizione in cui si trovava prima del 24 agosto dello scorso anno e non invece a Torrita (sempre territorio del comune di Amatrice, per la cronaca) sulla Salaria per Ascoli. Posizione pianeggiante quest’ultima, logisticamente logica (scusate il bisticcio di parole) data la possibilità di realizzare ampi parcheggi, e in grado di diventare presidio di area vasta, a servizio dell’intera valle dell’Alto Velino e della parte ascolana più prossima ad Amatrice.

Un presidio sanitario decisamente più robusto anche politicamente parlando e per il quale non si dovrebbe di nuovo occupare la Salaria (a Torrita, guarda caso) per protestare contro la minaccia di depotenziamento, se non di soppressione, come ciclicamente avvenuto negli ultimi dieci anni.

Un nuovo Grifoni che resterebbe sempre l’ospedale di Amatrice, ma nel contempo sarebbe anche il nosocomio di riferimento di altre migliaia di utenti e darebbe una visione di prospettiva a più comunità. Non capire questo (ma non crediamo sia così) per non insorgere nelle ire di alcuni dei commercianti di Amatrice che temono di perdere il loro indotto se il Grifoni sarà edificato altrove è una scelta né di cuore, né di testa ma solo miope e che non conosce affatto il concetto «programmazione».
  Ultimo aggiornamento: 12:32 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

"Viaggio sul 44, l'autobus del diavolo"

di Pietro Piovani