Il crollo del campanile di Accumoli
ricostruito con le immagini
di un drone: ecco come è morta
il 24 agosto 2016 la famiglia Tuccio

Il crollo del campanile di Accumoli ricostruito con le immagini di un drone: ecco come è morta il 24 agosto 2016 la famiglia Tuccio
di Emanuele Faraone
1 Minuto di Lettura
Martedì 27 Novembre 2018, 08:45

RIETI - Mentre l’intero centro storico di Accumoli resse bene la spaventosa scossa di terremoto delle 3.36 del 24 agosto del 2016, rimanendo praticamente illeso e comunque per gran parte in piedi, non fu la stessa cosa per la vela campanaria della chiesa dei santi Pietro e Lorenzo.

Il campanile - immaginando di trovarsi davanti alla porta d’ingresso della casa della famiglia Tuccio - staccandosi dal basamento piegò inesorabilmente verso destra distruggendo parzialmente una parte di tetto in prossimità della base, per poi sfondare la copertura dell’adiacente edificio comunale proprio sopra le stanze abitate e aprirsi, in caduta, un’ampia breccia attraverso la copertura della casa canonica e dei due solai della sottostante unità immobiliare, dove morirono Andrea Tuccio, la moglie Graziella Torroni e i due figli della coppia, Stefano di 8 anni e Riccardo di appena 9 mesi.

Una voragine di forma quasi perfettamente circolare quella visibile sul tetto dalle riprese dall’alto di un drone, girate quattro giorni dopo la terribile scossa di terremoto che seminò morte tra Accumoli e Amatrice, e proiettate in aula nel processo che vede imputate per omocidio colposo sette persone, tra cui il sindaco Stefano Petrucci.

IL SERVIZIO COMPLETO NELL'EDIZIONE
DE IL MESSAGGERO DI RIETI, IN EDICOLA
OGGI, MARTEDI' 27 NOVEMBRE


 

© RIPRODUZIONE RISERVATA