Terminillo, la Società Funivia cede gli impianti in affitto al Comune. Nuove speranze per la stagione dello sci

Terminillo, la Società Funivia cede gli impianti in affitto al Comune. Nuove speranze per la stagione dello sci
di Giacomo Cavoli
3 Minuti di Lettura
Domenica 20 Novembre 2022, 00:10

RIETI - La società “Funivia” accetta di cedere temporaneamente in locazione al Comune di Rieti l’uso delle piste, degli impianti di Pian de’ Valli e dei mezzi. Dopo che l’11 novembre il Comune aveva fatto pervenire al gestore Flavio Formichetti la proposta di affidamento diretto (e temporaneo fino a marzo 2023) della conduzione degli impianti, ora è lo stesso Formichetti a sbloccare l’impasse generatosi tra ente e società, scegliendo di cedere in affitto a Palazzo di Città l’uso di impianti e piste fino al termine concordato del marzo prossimo, risolvendo così il braccio di ferro che lunedì scorso era stato anche al centro di un’animata seduta della commissione Sport. 

Lo scenario. La proposta della “Funivia” è arrivata al Comune nella tarda mattinata di ieri: dunque, a questo punto, la palla passa tutta in mano all’ente di piazza Vittorio Emanuele II. Da definire restano però, in primis, due aspetti: in prima battuta, il prezzo d’affitto che il Comune dovrà concordare con la società per poter usufruire degli impianti e, successivamente, quale sarà l’impresa che verrà chiamata ad operare materialmente su piste e strutture per garantirne l’apertura in vista della stagione invernale.

A questo proposito, una chiara indicazione è arrivata da parte della “Funivia” la quale, nel documento consegnato ieri mattina, ha specificato che l’affitto delle strutture è subordinato al fatto che la gestione venga demandata ad un operatore di rilevanza pubblica e dotato di capacità tecniche e patrimoniali: insomma, non il primo avventuriero incontrato per strada, ma una società che abbia già uno stretto legame con il comparto pubblico. Assume dunque contorni sempre più definiti l’ipotesi già rilanciata da Il Messaggero nei giorni scorsi e cioè che ad occuparsi della gestione temporanea possa essere l’Asm, ora divenuta a partecipazione interamente pubblica.

Tempi stretti. Se la burocrazia riuscirà a trovare la quadra in pochi giorni, concordando il prezzo d’affitto e individuando il gestore temporaneo della stagione 2022-2023, l’apertura degli impianti non sarà comunque una passeggiata di salute: servirà infatti approntare in fretta una manutenzione di base prima di poterli rimettere in funzione, sperando che almeno per il momento non arrivino importanti nevicate a rendere più difficoltose le operazioni di messa in esercizio. 

La notizia di concedere l’affitto degli impianti rappresenta tuttavia, in ogni caso, un deciso passo in avanti rispetto allo stallo degli ultimi mesi, anche in vista della riunione programmata per oggi pomeriggio dalla scuola sci Terminillo, appositamente convocata per fare il punto della situazione rispetto alla possibilità di sciogliere le redini stagionali dei maestri di sci, lasciandoli eventualmente liberi di trovare occupazione lavorativa in altre stazioni sciistiche, almeno per quest’inverno. Ipotesi che almeno per il momento potrebbe essere scongiurata, in attesa di una veloce risoluzione da parte del Comune per mettere nero su bianco la riapertura degli impianti, alla quale far seguire poi l’attivazione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA