L'attore reatino Simone Casanica domani su Rai 1 nella fiction L'Allieva 3

Simone Casanica
di Riccardo Fabi
4 Minuti di Lettura
Sabato 31 Ottobre 2020, 16:51 - Ultimo aggiornamento: 16:53

RIETI - Simone Casanica, reatino classe 2001, neodiplomato al Liceo Classico Marco Terenzio Varrone, è tra gli attori della fiction L'Allieva, giunta alla terza stagione, in onda domani, domenica 1° novembre, su Rai 1 alle 21.25.  Volto noto sugli schermi della Tv - grazie ai suoi ruoli nelle fiction Don Matteo, Che Dio Ci Aiuti e L’Allieva e e nella serie Tv per ragazzi Jams su Rai Gulp - fin da bambino affascinato dal cinema e dal teatro, sta facendo diventare il cinema e la recitazione la sua vita.

 

Come e quando è iniziata la tua passione per il cinema e la recitazione?
«La mia passione per il cinema e il teatro è nata nella maniera più casuale possibile, quando avevo sei anni mi trovavo al lavoro con mia madre, che fa teatro ricreativo ai suoi pazienti. Quel giorno mancava un paziente, io mi trovavo lì e con l’imbarazzo di un bambino di sei anni lessi delle battute e da quel momento non ho più smesso».

Il tuo non smettere ti ha portato a entrare nei set di fiction prestigiose come Don Matteo e Che Dio Ci Aiuti, come sei arrivato fino a lì?
«Con tanto studio passione e dedizione. Credo nel mio lavoro e lo amo, metto tutto me stesso in questo ma sono ancora all'inizio, manca ancora molto per raggiungere gli obiettivi prefissati e sto lavorando per questo»

Hai recitato al fianco di attrici e attori dello spessore di Elena Sofia Ricci, Terence Hiil, Alessandra Mastronardi e altri. Un ricordo di un fuori onda che ti piacerebbe raccontare con uno di loro?«Un fuori onda che ricordo veramente con piacere, è quando mi trovavo sul set de L’Allieva, erano gli ultimi giorni di lavorazione. Ci trovavamo io, Alessandra Mastronardi e Fabrizio Coniglio in sala trucco e per annientare l’ansia dell’ultima scena mettemmo Minuetto di Mia Martini e la cantammo tutti a squarciagola. Io avevo la mia ultima scena con Alessandra, e dopo qualche ora il regista disse che io e la Mastronardi avevamo finito il film. E’ stato veramente bello come momento».

Prima di parlare de L’Allieva, sei stato impegnato in una serie Tv per ragazzi Jams. Di cosa parla? «E' la terza stagione. Ha sempre affrontato tematiche scottanti giovanili e in questa stagione parla del rispetto ambientale e in una piccola parte anche dei molestatori online sui social. Tematiche molto importanti e “toste”. La potete trovare in onda dal lunedì al venerdì alle 20.40 su Rai Gulp, canale 42».

Nel Cast di Jams c’è anche Sara, tua sorella. Come è stato lavorare con lei sul set?
«E' stato bello, per certi versi anche strano. Però è stata un’esperienza che mi ha fatto crescere ancora di più e penso che lei, nonostante la sua giovane età, sia una grande professionista. Sono molto orgoglioso di quello che sta costruendo e di quello che sta diventando».

Ci potresti dare qualche anticipazione sul tuo personaggio che interpreterai domani sera?
«Nella serie interpreto Edoardo Bassani, un ragazzo che mette tutto se stesso e che sa combattere in ciò che crede. Di questo personaggio mi piace molto la forza e la passione che mette nei suoi ideali, mi ritrovo molto in “lui”».

L’ultimo Dpcm ha chiuso teatri, cinema e chiuso luoghi fondamentali per la diffusione della cultura...
«Penso sia stata una manovra sbagliata. Ci tengo a precisare che il mondo dello spettacolo non è un passatempo ma un mondo in cui ci sono professionisti non solo in campo artistico: attori, cantanti, ballerini. Ma ci sono professionisti anche nel campo tecnico, spesso neanche vengono menzionati, ad esempio nell’audio visivo o macchinisti e altre figure importanti. Loro sono il cuore pulsante del set o del programma, perché lavorano alla realizzazione della lavorazione, quindi mi sembra doveroso parlarne e avere rispetto anche di loro».

Simone ti sei appena diplomato al Liceo Classico di Rieti, cosa ti aspetti dal futuro? Università, lavoro o inseguire la tua passione?
«Ho deciso di buttarmi a trecentosessanta gradi in questo mondo (cinema e recitazione). In futuro magari mi piacerebbe prendere una laurea. Per adesso il mio vero apprendimento sarà quello sul campo e vorrei lavorare e imparare sul campo cinema e recitazione. Penso che sia la cosa più giusta per me in questo momento».

© RIPRODUZIONE RISERVATA