Rieti, la Coop all'ex Zuccherificio:
nel centrosinistra ora esplode
la bagarre, Fusacchia contro tutti

Martedì 19 Giugno 2018
1
RIETI - La Coop all’ex Zuccherificio fa discutere anche a sinistra. Nel mirino ci finisce il capogruppo del Pd Alessandro Mezzetti: «Mi sono dichiarato sostanzialmente favorevole alla proposta, riservandomi di analizzarla nel dettaglio, ponendo interrogativi sull’indotto occupazionale e sulle sue ricadute, sul futuro urbanistico della città e sull’impatto che può avere sul piccolo commercio e sul centro storico – posta a caldo su Facebook dopo la commissione Urbanistica di venerdì – Non faccio parte di chi dice sempre no».

A Giovanni Ludovisi e Emanuele Donati, cadono le braccia. Ad Alessandro Fusacchia, oggi parlamentare, cade un’anatema: «Non so se mi fate più tristezza o più rabbia. Un centro commerciale allo Zuccherificio? Ancora con questa storia? Ma davvero pensate che porterebbe sviluppo del territorio, occupazione, rinascita, investimento? Non mi stupisce che lo voglia la destra. Ma se il Pd quello che sa fare è essere sostanzialmente favorevole vuol dire che non c’è mezza idea di sviluppo dell città. Con questa capacità di immaginare, ancora prima che di mobilitare e poi di governare, non c’è speranza: siamo tutti morti. I reatini, i ragazzi di Rieti, meritano altro. E sarebbe ora che le forze vive della città si dessero una svegliata mobilitandosi, invece di piangere i figli che scappano».

Vincenzo Di Fazio, segretario cittadino dem, ne ha però anche per lui: «Ok, sullo Zuccherificio non ci siamo, ma vogliamo riparlare di Next Snia? Io sto ancora aspettando Fusacchia che torna con Alessandro Profumo, all’epoca Mps».  Ultimo aggiornamento: 13:24 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

“Chi era Trilussa?”: cosa rispondono i ragazzi di Trastevere

di Veronica Cursi