Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Un’impresa, un logo: gli studenti di Design della Sapienza collaborano con Vivaio

Un’impresa, un logo: gli studenti di Design della Sapienza collaborano con Vivaio
2 Minuti di Lettura
Venerdì 18 Febbraio 2022, 13:22

RIETI - Un’impresa, un logo. Vivaio, l’incubatore di imprese della Fondazione Varrone, si attrezza per offrire a chi apre un’attività imprenditoriale un marchio e un’immagine coordinata della propria azienda. Tutto questo grazie alla collaborazione avviata con la Facoltà di Architettura della Sapienza di Roma. Così, nel processo di accompagnamento di aspiranti imprenditori all’apertura di un’azienda offerto da Vivaio, entra anche una consulenza grafica, prestata dagli allievi del Corso di Laurea in Design, presieduto dalla professoressa Sabrina Lucibello, sotto la supervisione del professor Andrea Mattone.

Un’esperienza già tentata con successo per alcune botteghe aperte nei mesi scorsi e che ora passa da una dimensione sperimentale ad una forma più strutturata. Agli studenti che progetteranno i marchi e i loghi utilizzati dalle imprese la Fondazione Varrone riconoscerà una premialità e l’ateneo 8 crediti formativi universitari, valevoli come tirocinio.


«La Fondazione continua a credere e a investire su Vivaio, tanto più adesso che l’economia si è rimessa in marcia ma con nuove sfide per gli aspiranti imprenditori – dice il presidente Antonio D’Onofrio – La collaborazione con insegnanti e allievi del corso di Design della Facoltà di Architettura della Sapienza sarà un motivo di scambio e di crescita per la nostra realtà, e darà alle giovani imprese nate in Vivaio una visibilità e riconoscibilità tanto più necessaria quanto più il web ha ampliato orizzonti e mercati».  

© RIPRODUZIONE RISERVATA