Rieti, vaccinazioni: vigili urbani esclusi finora dalle somministrazioni

Vaccinazioni
di Giacomo Cavoli
3 Minuti di Lettura
Sabato 3 Aprile 2021, 00:10

RIETI - Mal Comuni, mezzo gaudio. Parafrasando la celebre e poco consolante espressione, è la situazione in cui, a oggi, si ritrovano i Comuni del territorio reatino (tranne Fara in Sabina), che attendono ancora la vaccinazione dei loro operatori di polizia municipale, mentre invece nel Lazio la campagna di somministrazione per polizia, carabinieri e guardia di finanza è cominciata da metà febbraio.

Le difficoltà
Una sperequazione della quale, a farne le spese, sono i circa 100 agenti di polizia municipale in servizio tra tutti i Comuni reatini. Come, ad esempio, il nutrito gruppo di 37 operatori del comando di Rieti: «Su richiesta della Prefettura, abbiamo fornito degli elenchi dove erano inclusi i nomi di tutti gli operatori della polizia municipale che vogliono sottoporsi a vaccinazione, elenchi poi raggruppati dalla Prefettura e inviati alla Asl di Rieti - spiegano dalla sede della polizia municipale di via Foresta. - Non crediamo che il ritardo sia causato da cattiva volontà, ma solo dai disagi legati alle forniture: in ogni caso, siamo stati rassicurati di essere prossimi alla vaccinazione e resteremo rispettosi del nostro turno. Come corpo di polizia municipale avvertiamo però l’urgenza della vaccinazione, perché ugualmente a tutti gli altri operatori delle forze dell’ordine svolgiamo la nostra attività all’esterno e a contatto con i cittadini: e dato che siamo una categoria che non può certo essere messa in smart-working, siamo sempre stati sul pezzo fin dallo scoppio dell’emergenza, contando tra di noi anche molti contagiati nell’ultimo anno». Fuori Rieti, tra i più preoccupati c’è il sindaco di Cittaducale, Leonardo Ranalli: «Esprimo tutto il mio rammarico per tale situazione - commenta Ranalli. - Insieme a Fara in Sabina, Cittaducale è uno dei Comuni che aveva già scritto alla Regione Lazio per sollecitare le vaccinazioni dei vigili. In un primo tempo, la Prefettura aveva raccolto gli elenchi con i nominativi: ma ora, a distanza di settimane, non capiamo come ancora non sia stato dato seguito alle somministrazioni. I 4 vigili di Cittaducale sono operatori della pubblica sicurezza che svolgono le stesse funzioni di tutte le altre forze dell’ordine ed è un pessimo segnale che la Regione, nell’assegnare i vaccini, non abbia messo in lista i vigili urbani».

L'eccezione farense
L’unica eccezione, finora, è quella del Comune di Fara in Sabina. Fino ad ora, infatti, l’unico aspetto positivo della zona rossa è stato l’aver accelerato la vaccinazione degli operatori di polizia municipale che hanno scelto di sottoporvisi: «Nelle scorse settimane, come Comune, abbiamo sostenuto l’importanza della vaccinazione a favore degli agenti della polizia locale - spiega il sindaco Roberta Cuneo. - La vaccinazione dei nostri agenti è avvenuta ieri a mezzogiorno, esclusivamente in relazione all’istituzione della zona rossa: giovedì, infatti, gli agenti sono stati contattati dal centro di vaccinazione della Asl di Rieti, che li ha convocati per sottoporli alla somministrazione nella sede di via delle Ortensie. All’inoculazione hanno aderito gli agenti che hanno dato la loro disponibilità e, al momento, le unità vaccinate nel nostro Comune sono quattro».

© RIPRODUZIONE RISERVATA