Ubriaco investe due giovani per vendetta: reatino denunciato dalla polizia

Ubriaco investe due giovani per vendetta: reatino denunciato dalla polizia
2 Minuti di Lettura

RIETI - Gli Agenti della Squadra Volante dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico della Questura di Rieti hanno denunciato in stato di libertà il reatino M.M. del 1977, resosi responsabile dei reati di lesioni personali aggravate e guida in stato di ebbrezza alcolica.

Una pattuglia della Polizia di Stato, impegnata nei servizi di controllo del territorio, programmati dal Questore di Rieti, Maria Luisa Di Lorenzo, è intervenuta nel quartiere di Città Giardino, dove era stato segnalato un semplice incidente stradale da cui era scaturita una lite animata.

Gli Agenti, nella circostanza, hanno identificato un gruppo di ragazzi, alcuni dei quali presentavano delle ferite al volto ed agli arti inferiori, che hanno fornito versioni contrastanti sulla vicenda, inducendo gli operatori della Polizia di Stato ad effettuare un approfondimento investigativo che consentiva di svelare dei particolari sconcertanti sull’accaduto.

Dall’esame delle testimonianze e delle riprese video dei sistemi di videosorveglianza presenti nella zona è emerso, infatti, che il reatino M.M., a bordo della sua autovettura, procedendo sulla strada contromano, senza un apparente motivo, aveva investito due giovani, uno dei quali era rimasto ferito ad una gamba, e poi, non contento, aveva aggredito l’altro ragazzo, procurandogli una vistosa ferita sull’arcata sopraccigliare.

I ragazzi aggrediti hanno raccontato agli Agenti della Polizia di Stato che, probabilmente, il gesto di M.M. era stato commesso per vendetta, in quanto, poco prima, mentre passeggiavano in via Roma, lo avevano redarguito poiché era stato notato mentre espletava dei bisogni fisiologici in strada.

L’uomo, che con la sua vettura era andato anche a collidere con un'altra autovettura in sosta, è stato sottoposto ad alcoltest che ha rilevato nel suo sangue una concentrazione alcolica ben superiore al limite consentito.

L’aggressore M.M. è stato, pertanto, denunciato in stato di libertà alla locale Autorità Giudiziaria davanti alla quale dovrà rispondere del reato di lesioni aggravate commesse in danno dei due ragazzi, nonché della guida in stato di ebbrezza che ha determinato, tra l’altro, l’immediato ritiro della sua patente di guida.

Domenica 2 Maggio 2021, 09:25
© RIPRODUZIONE RISERVATA