Rieti, Trancassini rieletto alla Camera: «Saremo ancora più incisivi sulle esigenze del territorio»

Paolo Trancassini
di Antonio Bianco
3 Minuti di Lettura
Martedì 27 Settembre 2022, 00:10

RIETI - È un Paolo Trancassini stanco quello che risponde al telefono dopo una nottata ad aspettare i risultati definitivi della consultazione elettorale. L’ex sindaco di Leonessa è stato eletto con un risultato straordinario, oltre il 50% dei voti.
Onorevole Trancassini, si può dire soddisfatto?
«Certo, nel mio collegio siamo andati oltre le previsioni. Mi fa molto piacere ed è merito di tutto il popolo di Fratelli d’Italia e di tutta la coalizione di centrodestra. È stata una campagna elettorale in stile antico, più tra la gente e meno social, penso che anche questo abbia fatto la differenza. Condivido il risultato con tutti gli uomini e le donne impegnati nella campagna elettorale».
Un risultato straordinario anche nella città di Rieti.
«È la prova provata che la demonizzazione non funziona. Primo perché quando demonizzi l’avversario, non hai argomenti. Secondo, è ridicolo demonizzare chi è già forza di governo in Comuni, Regioni e Province. Gli elettori sanno già cosa significhi avere un sindaco di destra. E magari come è successo a Rieti poi s’incrementa il voto».
Si aspetta qualche ruolo governativo?

«Nella passata legislatura mi aspettavo di fare il parlamentare e ho continuato a fare il capogruppo in commissione Bilancio e il coordinatore regionale del partito. Non so cosa pensino Giorgia Meloni e i nostri dirigenti su quello che potrà essere il mio ruolo. Sono molto contento di essere stato rieletto e penso che già questo sia molto. Poi è chiaro che tutti noi abbiamo legittime ambizioni e pensiamo magari che con l’esperienza acquisita si possa tornare utili anche in altri ruoli. Ma al momento non ci sono richieste in tale direzione».
Ora che è forza di governo può continuare a lavorare sui progetti che riguardano il nostro territorio.
«Certo. Mi auguro che questa stagione di governo mi permetta di essere più incisivo. Il nostro compito è fare da cassa di risonanza rispetto a quelle che sono le istanze del territorio e le sue principali problematiche. Credo che il problema più grande che abbiamo sia quello dell’isolamento e delle difficoltà dei collegamenti: su questo riprenderemo il lavoro che non abbiamo mai interrotto, nella speranza che l’essere in maggioranza possa permettermi di vedere approvato tutto ciò che ho provato a fare in precedenza».

© RIPRODUZIONE RISERVATA