«La Rieti-Torano devia
il Salto: stop al cantiere»

Rieti-Torano
2 Minuti di Lettura
Martedì 10 Ottobre 2017, 08:14 - Ultimo aggiornamento: 13:52

RIETI - Rieti-Torano: la Provincia rimette mano al tratto Ville Grotti-Grotti, per gli 800 metri mancanti necessari anche a mettere in sicurezza il (pericoloso) punto di partenza della superstrada e il Movimento 5 Stelle chiede lo stop del cantiere. «Il Comune di Rieti deve chiedere alla Provincia l'immediata sospensione dei lavori, che stanno comportando la deviazione del fiume Salto in due punti di intersezione col tracciato scrive la consigliera comunale Lodovica Rando Questo causa un notevole e irreversibile impatto ambientale sul tratto di valle interessato dalle opere, che proprio per questi e altri impatti erano state bocciate dalla Soprintendenza paesaggistica del Lazio».

La Rando punta a fermare anche lo step successivo di lavori programmati dalla Provincia, quelli per prolungare il tracciato fino a Ponte Figureto, punto di partenza dell'ultimo tratto della Rieti-Torano, quello su cui non c'è ancora né accordo né progetto approvato. Anche su questo il M5S chiede a Cicchetti di aprire una discussione «prima che su riducano ancor di più il tempo e il budget a disposizione per completare l'opera, fino all'innesto sulla Salaria e senza pregiudicare Casette e l'ambiente».

Sull'ultimo tratto della Rieti-Torano e sull'opposizione al passaggio nella vallata di Casette, le posizioni del M5S e del centrodestra al governo della città sono uguali. Il timore della Rando è che il parere pure negativo di Cicchetti all'ultima conferenza dei servizi convocata da Astral sul progetto in esame (quello delle «rotatorie») non basti a fermare la Provincia, che ribatte che altro non sta facendo se non mettere in sicurezza e completare l'ultimo lotto fin qui realizzato, coi fondi ancora a sua disposizione. Il M5S contesta che queste opere siano in via di esecuzione con un affidamenti diretto e senza la valutazione di impatto ambientale della Regione. Parola al Comune di Rieti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA