Stadio off limits per i tifosi, ma dall'esterno cori e fumogeni per sostenere il Rieti

Domenica 27 Settembre 2020 di Marco Ferroni
La curva nord è rimasta vuota
RIETI - Oggi come due stagioni fa, esordio casalingo del Rieti a porte chiuse. Ma se il 26 agosto del 2018 la sfida di Coppa Italia contro il Teramo si dovette giocare in assenza di spettatori sugli spalti perché il "Manlio Scopigno" non aveva ottenuto l'ok dalla Questura, oggi 27 settembre, la motivazione è da ricercare nell'emergenza sanitaria che manterrà questo stato di cose almeno fino al prossimo 7 ottobre.

Tifosi "presenti"
Ma dopo i proclami pre-gara di Campolo e la voglia di tornare a parlare di calcio giocato a distanza di sette mesi dall'ultima volta, potevano mancare i tifosi del Rieti nei pressi dello stadio? Assolutamente no. Una ventina di loro, sfidando il freddo e la pioggia incessante, si sono ritrovati a ridosso dell'ingresso della curva nord e qualche istante prima del calcio d'inizio hanno intonato qualche coro, acceso due fumogeni (uno amaranto, uno celeste) ed in modo composto e partecipato, si sono "accontentati" di seguire la sfida dal racconto irradiato sul profilo social del club, con la voce di Asvero Antonetti e Raffaele Passaro. Meglio di niente, in attesa di tempi migliori... © RIPRODUZIONE RISERVATA