Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Terminillo, finora è boom di presenze per l'estate

L'area del Terminillo (foto d'Archivio)
di Giacomo Cavoli
3 Minuti di Lettura
Domenica 24 Luglio 2022, 00:10

RIETI - Le presenze, neanche a dirlo, ieri erano quelle tipiche del più classico fine settimana terminillese, tali da lasciare ipotizzare di riuscire a trovare un minimo di spazio vitale solo raggiungendo in escursione le alte quote. E potenzialmente sarebbero potute essere ancora di più, se a stonare non ci fossero state le operazioni di rimozione del basamento in cemento del campo da paddle della Valletta, smantellato dal conflitto burocratico generato dalle diverse interpretazioni fornite dalla Provincia (per la quale era sufficiente la richiesta di permesso a costruire) e dal Comune di Rieti (per il quale sarebbe stata invece necessaria l’autorizzazione paesaggistica). Alla fine, morale della favola, l’unico risultato è stato quello di far rimuovere - lo scorso 9 maggio – la struttura installata la scorsa estate dalla Asd Terminillo Sport e, ieri, il basamento in cemento del campo che nel 2021 aveva garantito centinaia di presenze ben oltre la fine dell’estate, spingendo tanti turisti – soprattutto romani – a prenotare le loro ore di gioco già fino all’agosto di quest’anno. Una novità che, a questo punto, resterà naturalmente tutta sulla carta.

L’andamento. I numeri registrati nell’estate di quest’anno non sono però così casuali. Dietro, c’è l’enorme flusso generato soprattutto nel 2020 dalle restrizioni sugli spostamenti regionali, che hanno garantito al Terminillo un’autentica riscoperta soprattutto da parte del bacino romano. Un surplus al momento impossibile da raggiungere se non alle stesse condizioni di due anni fa ma che, una volta stabilizzatosi a livelli fisiologicamente più bassi di quelli del 2020, si è replicato anche lo scorso anno e che adesso spinge verso una sempre maggiore fidelizzazione di chi, negli ultimi due anni, si è fatto convincere dalla bellezza del Terminillo. 
«Le condizioni meteo eccezionali di questi giorni hanno generato una sovrabbondanza di richiesta – osserva il presidente provinciale di Federalberghi, Michele Casadei – Se a questo uniamo anche la serie di eventi in programma a partire da oggi, come i campionati mondiali di wakeboard al lago del Salto e quelli di ski roll che si svolgeranno a settembre, va da sé che a livello ricettivo si preveda un’estate importante, non solo a Terminillo ma anche in molte zone della provincia. Le presenze delle quali stiamo godendo quest’estate sono il lascito di una pandemia che purtroppo non è ancora terminata e che ha garantito al Terminillo la riscoperta come meta di prossimità. Le condizioni meteo hanno fatto il resto, favorendo il deflusso verso la montagna e le zone dei laghi».

© RIPRODUZIONE RISERVATA