Rieti, soccorsi, multe, controlli: il bilancio stagionale dei carabinieri al Terminillo

Carabinieri
2 Minuti di Lettura

RIETI - Le restrizioni agli spostamenti e la chiusura degli impianti sciistici imposte dai provvedimenti governativi, se da un lato hanno indotto numerose persone a rinunciare alle proprie giornate sulle piste ed alle tradizionali settimane bianche, dall’altra sembrano aver fatto riscoprire a molti la bellezza del comprensorio del Monte Terminillo, negli ultimi mesi anche set per produzioni cinematografiche.

Molti sono stati coloro i quali, attratti anche dalle massicce nevicate dell’inverno appena trascorso, hanno raggiunto, non appena possibile, il massiccio montuoso, per passeggiate all’aria aperta, ciaspolate nei boschi, o per praticare trekking e sci alpino.

I militari della Stazione Carabinieri di Monte Terminillo, competente sul comprensorio, sono stati coinvolti per tutta la stagione in impegnativi servizi di controllo, non solo nell’abitato e sulle vie di accesso alla zona, ma anche nelle aree più isolate e sulle piste.

Nonostante la chiusura degli impianti di risalita è stato necessario condurre un’attenta azione di vigilanza al fine di evitare assembramenti e verificare il rispetto delle normative per la prevenzione della diffusione del contagio da Covid-19.

Non pochi anche gli interventi di soccorso, 5 in tutta la stagione, in cui i militari sono intervenuti in aiuto di sciatori infortunati ed escursionisti in difficoltà. In questa attenta azione di vigilanza, i Carabinieri della Stazione di Monte Terminillo hanno potuto contare anche su una nuova motoslitta appena assegnata al reparto per garantire piena efficienza nello svolgimento dei compiti istituzionali, anche su manti nevosi che da tempo non si vedevano al Terminillo.

Poco meno di 30, invece, sono state le contestazioni per la violazione della normativa per il contenimento del contagio da coronavirus, che hanno comportato sanzioni per oltre 10.000 euro.

Anche l’imminente estate sarà comunque molto impegnativa per i Carabinieri del Terminillo, impegnati come ogni anno nel sorvegliare le aree montane ed i sentieri più impervi a tutela dei turisti e della locale popolazione.

È necessario rammentare a tutti, comunque, che prima di intraprendere spostamenti verso la località montana, è opportuno verificare attentamente quali siano le disposizioni normative vigenti in relazione agli spostamenti, oltre che informarsi compiutamente sulle condizioni metereologiche, ma soprattutto è indispensabile avvicinarsi a pratiche sportive montane solo se si è in buone condizioni fisiche e muniti di idoneo equipaggiamento.

Domenica 9 Maggio 2021, 11:24
© RIPRODUZIONE RISERVATA