Rieti, tentato omicidio in Emilia:
pizzaiolo reatino fermato dai carabinieri

Sabato 30 Maggio 2020
Carabinieri
RIETI - Ha confessato il pizzaiolo 50enne sottoposto a fermo poiché ritenuto l'autore del tentato omicidio di un
operaio 54enne, avvenuto lo scorso 23 maggio, alle 9.30, in un parco pubblico di Finale Emilia, nel Modenese. L'uomo, secondo quanto si apprende, si è dimostrato collaborativo facendo rinvenire ai carabinieri di Carpi, che questa notte hanno eseguito il provvedimento, emesso dal pm Giuseppe Amara, gli indumenti e il cutter utilizzati la mattina dell'aggressione, che erano stati gettati in una campana per la raccolta del vetro.

Alla base del gesto dell'uomo, originario della provincia di Rieti ma da tempo stabilitosi nel ferrarese, ci sarebbe un motivo passionale, legato alla gelosia. Sabato scorso, fingendosi impegnato in un allenamento, si sarebbe recato in un parco di Finale Emilia verso le 6.30 e avrebbe atteso lì che il marito della sua amante, un operaio
finalese, uscisse di casa per andare a comprare il pane.

Verso le 9.30, dopo averlo avvistato, quindi, l'uomo gli si sarebbe avvicinato alle spalle e avrebbe tentato di sgozzarlo con un taglierino acquistato il giorno precedente. Solo l'immediato intervento del 118, chiamato da alcuni testimoni oculari, e il trasporto in eliambulanza all'Ospedale Maggiore di Bologna, hanno evitato che l'aggressione finisse in tragedia. © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani