Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Superbonus, Pirozzi: «Deve rimanere proroga al 2025 altrimenti il Centro Italia non si ricostruisce»

Superbonus, Pirozzi: «Deve rimanere proroga al 2025 altrimenti il Centro Italia non si ricostruisce»
1 Minuto di Lettura
Giovedì 30 Giugno 2022, 16:02

RIETI - «Voglio ricordare che la legge di Bilancio 2022 ha disposto la proroga sino a tutto il 2025 del Superbonus 110% per le spese sostenute a fronte di interventi di efficientamento energetico e miglioramenti ai fini antisismici nelle aree colpite dal terremoto. In questi giorni purtroppo sto seguendo attentamente le vicende legate al Superbonus 110 x cento e al netto delle discussioni voglio essere chiaro e ribadire che eventuali provvedimenti non dovranno minimamente riguardare la proroga estesa fino al 2025 ai comuni compresi nel cratere.Mi auguro che la misura non sia cancellata con un colpo di spugna , anche perché se così fosse il Centro Italia martoriato vedrebbe allontanarsi sempre di piu' la speranza di essere ricostruito».

Lo scrive, in una nota, Sergio Pirozzi, già sindaco di Amatrice e Consigliere regionale del Lazio dopo la ''stretta'' che il governo vuole imporre alle misure riguardo l'Ecobonus 110%.

Pirozzi ricorda altresi' che la proroga al 2025 «si applica alle spese sostenute per gli interventi ammessi al Superbonus per i quali sia prevista anche l'erogazione di contributi per la riparazione o ricostruzione a seguito di eventi sismici».

«Bisogna che il governo si concentri un po' anche riguardo la ricostruzione del Centro Italia perché se si ricostruisce riprende la vita, se si abbandona, quei territori saranno desolatamente spopolati», conclude Sergio Pirozzi. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA