Rieti, #Futura Genova 2019:
il Rosatelli tra buone pratiche,
Civic Hack e Womest

Lunedì 15 Aprile 2019
RIETI - L’Istituto Rosatelli di Rieti si è distinto nell’ambito dell’iniziativa nazionale #Futura Genova, tenutasi nel capoluogo ligure, dove è stata promossa una riflessione attiva sul percorso di crescita e di sviluppo dell’innovazione digitale
 
La Settimana dedicata al Piano nazionale per la scuola digitale rappresenta da anni l’occasione per promuovere in tutte le scuole una riflessione attiva sul percorso di crescita e di sviluppo dell’innovazione digitale. Si è svolta a Genova l’iniziativa nazionale in cui si sono ritrovati migliaia di studenti, docenti, personale scolastico, dirigenti, genitori ed esperti.

Anche gli studenti dell’Istituto di Istruzione Superiore Celestino Rosatelli di Rieti hanno preso parte alla tre giorni ideata per imparare, condividere, sperimentare, approfondire, i tanti progetti già realizzati e per progettare insieme future attività coerenti con il Piano Nazionale Scuola Digitale. 

L’Istituto reatino si è distinto ancora una volta con la sua presenza. Diversi gli alunni selezionati per tre ambiti di competizione: Leonardo Pitorri, Stefano Bocchi e Lorenzo Mastroiaco, dell’indirizzo Meccanica e Meccatronica, Sofia Angelucci dell’indirizzo Biotecnologie, Alessio Cenciotti del Liceo delle Scienze Applicate. Gli studenti di Meccanica hanno concorso per le Buone Pratiche Scolastiche, presentando la ricostruzione del caccia CR1 a cui da anni partecipano.

Sofia Angelucci ha invece preso parte alla competizione Womest, incentrata sullo sviluppo delle competenze scientifiche tra le studentesse, nell’ottica di un’implementazione della presenza femminile nelle Steam.
Alessio Cenciotti ha concorso per il Civic Hack, una maratona progettuale focalizzata sui bisogni più urgenti del territorio italiano e non solo.

«Il Rosatelli, come sempre, coniuga la didattica innovativa promossa dal Piano Nazionale Scuola Digitale, con le esigenze e le peculiarità del territorio in cui è innestato si legge nella nota dell'istituto -  Questa volta lo fa in una cornice di tutto rispetto, oltre che estremamente simbolica: la città di Genova, luogo da cui l’Italia futura può e deve ripartire». © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Sturni, Stefàno e Frongia: la corsa nel M5S che verrà

di Simone Canettieri

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma