Rieti, ok in commissione regionale
ai 300mila euro per lo Scopigno
in vista della serie C

Martedì 10 Luglio 2018 di Christian Diociaiuti
Scopigno
RIETI - Il Comune di Rieti attendeva un altro ok per i 300mila euro dello Scopigno. Ed arriva oggi, con una nota inviata direttamente dalla Pisana. “La commissione Lavori pubblici, infrastrutture, mobilità, trasporti, del Consiglio regionale del Lazio, presieduta da Fabio Refrigeri (Pd), ha dato parere favorevole all’unanimità allo schema di delibera di Giunta che concede due contributi finanziari straordinari per un totale di 380mila euro. Il primo, di 300mila euro, è assegnato al Comune di Rieti per adeguare lo stadio alle norme previste dalla partecipazione al campionato di calcio di serie C. Il secondo, di 80mila euro, va al comune di Riofreddo (Rm), per l’acquisto di container a uso scolastico. Il provvedimento, illustrato oggi in commissione dall’assessore Mauro Alessandri, torna in Giunta regionale per l’approvazione definitiva”.

L’ATTESA E L’OK
Nei giorni scorsi dalla Lega Pro erano state chieste integrazioni sulle carte dello stadio. Le stesse che ora tengono il Rieti sulle spine. “Giovedì ci hanno chiesto – aveva detto il consigliere Roberto Donati - un cronoprogramma dei lavori allo Scopigno e stamattina (venerdì, ndr) l’abbiamo inviato. I lavori? Al via tra la fine di luglio e l’inizio di agosto, per completarsi prima dell’inizio del campionato. In attesa di indicazioni sui 300mila euro della Regione”. La Regione dice: “Al comune di Rieti viene dunque concesso un finanziamento fino a 300mila euro per interventi di riqualificazione dello stadio “Centro d’Italia – Manlio Scopigno”. L’adeguamento si è reso necessario a seguito della promozione in serie C della società “Football club Rieti”, perché le normative dalla Lega calcio richiedono una serie di prescrizioni per poter ospitare partite in questa categoria. I principali lavori da effettuare riguardano: il rifacimento dell’impianto di videosorveglianza; la realizzazione di zone di pre-filtraggio delle tifoserie; l’installazione di tornelli per il controllo identificativo; il rifacimento della recinzione esterna allo stadio da adeguare alle normative europee; la modifica dei presidi antincendio all’interno delle tribune e delle curve. In caso di mancato adeguamento dell’impianto, il Football club Rieti sarebbe costretto a giocare le partite interne a porte chiuse oppure in campo neutro. Presenti alla seduta, oltre al presidente Refrigeri, i consiglieri: Gino De Paolis (Lista Zingaretti), Devid Porrello (M5s), Orlando Angelo Tripodi (Lega), Eugenio Patanè e Marietta Tidei (Pd)”.

PIROZZI
«Sono felice di apprendere che la Commissione Lavori Pubblici abbia approvato all’unanimità il sub emendamento da me proposto che richiedeva 300mila euro da dedicare allo stadio “Manlio Scopigno” di Rieti. Come avevo segnalato, infatti, i fondi che ho richiesto in sede di Bilancio, sono indispensabili al Comune per adeguare lo stadio e dunque al Rieti calcio per partecipare alla serie C che si è duramente conquistato. Questi fondi testimoniano che, come dico sempre, solo se conosci puoi fare la differenza. Mio compito da consigliere infatti, è proprio quello di portare a conoscenza della Regione vicende ed esigenze altrimenti sconosciute all’attenzione della politica. Ringrazio dunque la commissione per aver appoggiato la mia proposta».
Precisa così Sergio Pirozzi, in risposta al comunicato del Consiglio regionale del Lazio sui Lavori della Commissione Lavori pubblici, infrastrutture, mobilità e trasporti. Pirozzi è consigliere regionale, Presidente della XII Commissione (Tutela del territorio, erosione costiera, emergenze e grandi rischi, protezione civile, ricostruzione) del Consiglio regionale del Lazio, ed ex sindaco di Amatrice.

LA VISITA DELLA REGIONE
Domani, 11 luglio, alle 9.30 gli assessori regionali ai Lavori pubblici, Mauro Alessandri, e alle Politiche per la Ricostruzione, Claudio Di Berardino, insieme al presidente della VI Commissione del Consiglio regionale, Fabio Refrigeri, saranno a Rieti al Manlio Scopigno dove incontreranno il presidente del Fc Rieti, Gianluca Marini.

LO STATO DELL’ARTE
C’è però da scindere la situazione. Il Rieti, nell’iscrizione, ha indicato una capienza dello stadio a metà, 5000 posti circa. E anche per questa c’è bisogno di lavori, pur minimi, e di prefiltraggio. Gli stessi che, come indicato sopra, Donati ha detto potranno iniziare tra fine luglio e inizio agosto. In attesa, appunto, del maxi-finanziamento dalla Regione per adeguare tutto lo stadio, anche la tribuna Galassini. Ora c’è l’ok a quest’ultimo ed, evidentemente, ci sarà da ricalibrarsi. Fatto rimane che allo stato attuale, nessun lavoro di adeguamento (ne per metà impianto, né per tutto) non sono stati fatti e che se non termineranno prima della fine del campionato, il Rieti dovrà giocare a porte chiuse le prime gare oppure indicare un’altra sede di gioco. L’unica, possibile, al momento, è Fondi. E la proprietà potrebbe non essere contenta di migrare.
  Ultimo aggiornamento: 17:40 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Il basket in carrozzina rende giovani e tenaci

di Mimmo Ferretti