Rieti, una domenica alle sorgenti Santa Susanna con Slow Food, Regione e Riserva dei Laghi

Venerdì 7 Agosto 2020
RIETI - Non poteva che essere dedicata all’acqua la terza domenica alla scoperta dei Parchi del Lazio, a Rivodutri, dove è il valore dell’acqua ad essere da sempre il centro della vita delle comunità reatine e fonte di ispirazione disanti e di cantanti, in questi luoghi che sono storicamente la principale risorsa idrica per tutta la regione e per la Capitale. L’evento è organizzato da Slow Food Lazio grazie alla Regione Lazio.

Ospiti prima di tutto di uno dei magnifici borghi della provincia di Rieti, come introduce Michele Paniconi, Sindaco di Rivodutri: «Il legame tra cibo e cultura affonda le proprie origini nella storia di un territorio e dei popoli che lo hanno vissuto. Rivodutri è legata in modo indissolubile alla natura che lo circonda ed in particolare all’acqua, che la Sorgente di Santa Susanna mirabilmente rappresenta. La manifestazione di domenica può sicuramente valorizzare e promuovere l’immagine di un territorio slow, con percorsi di gusto ed escursionistici di prim’ordine. I valori promossi dalla Regione Lazio e da Slow Food sono totalmente condivisi dall'Amministrazione comunale: lo sviluppo di un turismo sostenibile, capace di innescare circoli (anche economici) virtuosi, che unisca le bellezze naturalistiche e storiche con le risorse agroalimentari del territorio. Per salvaguardare, tramandare e promuovere quanto di bello ( e di buono) ci circonda».

«È indubbio come l’acqua costituisca un elemento di forte caratterizzazione del territorio reatino attorno al quale dovrebbe ruotare il sistema economico sociale locale – sottolinea Guido Zappavigna, Commissario della Riserva dei Laghi Lungo e Ripasottile – Regione Lazio, Slow Food, Riserva dei Laghi Lungo e Ripasottile congiuntamente al Comune di Rivodutri hanno individuato nel Monumento Naturale delle sorgenti di Santa Susanna il luogo migliore ove realizzare un evento di socializzazione, di educazione ambientale e di accrescimento della coscienza e consapevolezza identitaria affinché queste realtà naturalistiche diventino sempre di più volano di sviluppo. L’evento del prossimo 9 agosto rappresenta un bell’esempio di proficua collaborazione tra istituzioni e realtà locali: Regione, Riserva, Comune, Slow Food, ProLoco, Associazioni di volontariato e rappresentanti delle realtà produttive tutti insieme con l’ unico obiettivo di promuovere il movimento, il gioco, la conoscenza ed il rispetto della natura, senza dimenticare il rispetto dei protocolli e delle linee guida per prevenire o ridurre il rischio di contagio».

a quest’acqua cristallina, bene comune indispensabile della vita, mai come ora ha bisogno di essere “ascoltata” e rispettata, protetta e gestita anche per le comunità a venire, come racconta Andrea Cortese, rappresentante Slow Food della comunità sabina e reatina: «Siamo abituati a pensare a quest’acqua pura come ad una risorsa infinita, senza renderci conto che a questo elemento primario che va presidiato, sono Lazio strettamente legate moltissime delle attività delle produzioni locali, il loro benessere e sviluppo. Ecco perché domenica sarà importante conoscere i protagonisti dell’economia rurale, ascoltare le loro storie e con loro capire l’importanza della tutela di ambienti fondamentali come la Riserva e l’acqua per la vita di tutta la comunità».

Tante le attività in programma legate al tema anche per i bambini, partendo dal capire come funziona un mulino ad acqua per la produzione di farine e per finire con le mani in pasta e tanti i produttori presenti per un mercato nel fresco del bosco ed in piena sicurezza Covid, così come tante saranno le occasioni di assaggio con le preparazioni di osti e ristoratori del territorio, potendo anche contare sulla presenza di realtà di grande prestigio come i Fratelli Serva del Ristorante La Trota. Il tutto è stato possibile grazie all’impegno del territorio insieme a Slow Food Rieti: il Comune di Rivodutri, la Riserva dei Laghi Lungo e Ripasottile, le associazioni di Rivodutri, oltre ad avere i fratelli Serva in prima linea insieme alla cooperativa sociale e di comunità Campagna Sabina. In allegato il programma della giornata; l’ingresso è gratuito e si osserveranno le norme anti-Covid organizzando i flussi in modo snello; i laboratori, gli itinerari del gusto e le visite sono prenotabili su www.slowfoodlazio.it.

Alle 11 segnaliamo l’ incontro alle sorgenti: “I tesori del nostro territorio, laboratorio innovativo di economia sociale” con Daniele Leodori, vice-presidente della Regione Lazio; Guido Zappavigna, commissario Riserva dei Laghi Lungo e Ripasottile; Michele Paniconi, sindaco di Rivodutri; Luigi Pagliaro, portavoce di Slow Food Lazio; Roberto Lorenzetti, vice-presidente Fondazione Varrone; i Fratelli Serva, ristorante La Trota; Laura Ciacci, capofila della Filiera Agricola Sabina e Valli Reatine; Miguel Acebes Tosti, capofila della Filiera dei grani antichi; Luigi Cremona, giornalista. Modera Benedetta Rinaldi, conduttrice Rai. © RIPRODUZIONE RISERVATA