Rieti, il cugino dell’ex postina non ha più dubbi: «Credo proprio che Silvia sia stata uccisa» / Il video

Il punto del ritrovamento (foto e video Meloccaro)
di Mario Bergamini
3 Minuti di Lettura
Venerdì 30 Settembre 2022, 00:24 - Ultimo aggiornamento: 00:27

RIETI - «Arrivare nel punto in cui lunedì mattina ho visto l’auto non è facile. Non lo è neppure a piedi, figuriamoci per una donna di 77 anni alla guida di una utilitaria. La strada è stretta, nell’ultima parte la boscaglia la invade e ci sono grosse pietre. Mah...».

Video


Bruno Cingolani, il cercatore di funghi rimasto impantanato con la sua vettura lunedì mattina nella zona di Scrocco e che per primo ha visto l’auto della donna che da oltre due mesi stavano cercando in tutta la provincia, non si sbilancia. Ma si legge lontano un miglio che poco crede all’ipotesi che la Fiat Palio sia potuta arrivare fin li con Silvia Cipriani alla guida. «La zona non la conoscevo - aggiunge - lunedì mi sono avventurato qui per caso. Ma sono tanti coloro ai cui piace passeggiare nei boschi, cercare funghi. Poi, nel lato sinistro della stradina il bosco è stato tagliato. Magari prima del 21 luglio, questo non lo so...Possibile che nessuno abbia notato la vettura della donna prima di lunedì?». 

Le ipotesi per cui Silvia possa essere giunta nell’area di Scrocco sono al momento due: ha perso l’orientamento per un malore e per sbaglio ha imboccato la stradina dove ha poi trovato la morte, oppure vi è stata portata da una terza persona, magari già priva di vita, nascosta nel bagagliaio. A questo punto, oltre agli esami del Dna, assumono un’importanza fondamentale i rilievi della polizia scientifica sulla Fiat Palio, alla ricerca di tracce ed elementi tali da indirizzare le indagini. Il cugino di Silvia Cipriani, Francesco, che già ad agosto aveva ipotizzato che dietro la scomparsa della donna potessero esserci motivi economici, intervistato ieri a “La Vita in diretta” si è detto intanto convinto che Silvia si stata uccisa: «che motivo aveva di andare su quella strada? Silvia era una persona abitudinaria e mai si sarebbe avventurata in una strada come quella di Scrocco. Per fare cosa, poi? Credo proprio, a questo punto, che Silvia sia stata uccisa».

© RIPRODUZIONE RISERVATA