Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Rieti, presidio a Roma per la Schneider
Dopo Petrangeli aderisce anche Melilli

La recente manifestazione in Vaticano dei lavoratori Schneider
di Alessandra Lancia
2 Minuti di Lettura
Martedì 3 Dicembre 2013, 05:54 - Ultimo aggiornamento: 13:29
RIETI - Meno tre giorni dalla manifestazione di protesta dei lavoratori della Schneider Electric sotto l'ambasciata di Francia, a Piazza Farnese a Roma. Dopo l'adesione del sindaco Petrangeli è arrivata anche quella del parlamentare Pd Fabio Melilli, che si sta attivando in un passa parola-istituzionale per convincere a partecipare all'iniziativa anche altri deputati e senatori eletti nel Lazio.



Stesso meccanismo dovrebbe scattare con i sindaci e gli amministratori regionali, così da non lasciare soli i dipendenti Schneider nel protestare da italiani con i cugini francesi per la scelta di abbandonare il sito reatino a favore di più convenienti siti produttivi bulgari. L'obiettivo è portare a Piazza Farnese quanta più gente possibile, amministratori locali e regionali e semplici cittadini.



«Chiunque voglia aderire all'iniziativa di venerdì pur non essendo operaio del nostro stabilimento può farlo e venire in pullman con noi - scrive Fabio sulla pagina facebook della Schneider di Rieti - L'unica cortesia che vi chiediamo è di contattarci in privato per poter quantificare i posti auto necessari». Ritrovo e partenza dei bus sono previsti alle 7,30 di venerdì davanti al piazzale dello stabilimento.



«Stavolta la risposta di Rieti deve essere corale - dicono gli operai - perché sia chiaro, la chiusura della Schneider non è solo affare nostro ma di tutti».