Rieti, “Requiem for a hero” di Manuel Macadamia sbarca in Sabina

Mercoledì 24 Giugno 2020 di Samuele Annibaldi
Manuel Macadamia

RIETI - Parte da Milano con  Manuel Macadamia e il suo, “Requiem for a hero”, la Residenza Artistica Bassa Sabina del Teatro delle Condizioni Avverse. Un nuovo modo di vedere la Residenza partita in modo virtuale con la prima parte del lavoro di Manuel Macadamia , autore, attore e regista. Dalla sua casa di Milano sta sviluppando infatti la propria esperienza “Requiem for a hero” per poi venire in Sabina, grazie al progetto vinto dal Teatro delle Condizioni Avverse, facendo crescere il proprio lavoro in rapporto alle peculiarità territoriali e alle dinamiche comunitarie.

L’autore e il racconto
E’ lo stesso autore a fornire la descrizione del lavoro che sta realizzando. «Cosa accadrebbe se un giorno un supereroe decidesse di ritirarsi? Si chiede Manuel Macadamia (nella foto)-  Se si accorgesse che la sua ossessione, quella di salvare il mondo, non è altro che un capriccio infantile? Che i veri eroi sono quelli che lottano per il loro futuro senza alcun potere, restando nell'anonimato? Sullo sfondo dello scenario pop dei fumetti, Requiem for a Hero, l'ultima confessione di un super eroe, che raccoglie le storie di chi è costretto a combattere con le unghie e coi denti pur di avere una vita normale. Il testo é un flusso di coscienza che ripercorre la metaforica vita privata e mai raccontata dell'Uomo Ragno».
 
Continuità e sinergia col territorio
«La Residenza Multidisciplinare della Bassa Sabina_TerrArte – spiega la responsabile del progetto delle Residenze e del Teatro delle Condizioni Avverse Elisa Maurizi - intende dare continuità allo strumento della Residenza Artistica, ponendo attenzione alla forte connessione che si genera tra l’artista in residenza ed il territorio che lo ospita. In particolare, sperando che le condizioni sanitarie lo permetteranno, porteremo la restituzione - spettacolo del lavoro artistico di Manuel nei teatri della Bassa Sabina e attiveremo attività laboratoriali nelle classi dell’Istituto Comprensivo della Bassa Sabina».

Le attività  sono inserite all’interno del progetto della Residenza Multidisciplinare della Bassa Sabina_TerrArte 2020 promossa attraverso il programma Residenze per Artisti nei territori e finanziata da Mibact e Regione Lazio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA