Bocciati i nuovi Istituti Tecnici Superiori di Fara Sabina e Rieti: le reazioni politiche

Bocciati i nuovi Istituti Tecnici Superiori di Fara Sabina e Rieti: le reazioni politiche
3 Minuti di Lettura
Martedì 7 Dicembre 2021, 18:42

RIETI - Bocciati i nuovi Istituti Tecnici Superiori di Fara Sabina e Rieti. Ecco le reatione politiche.

Daniele Sinibaldi e Letizia Rosati

«Apprendiamo con preoccupazione e rammarico che la Regione Lazio ha bocciato entrambe le proposte di Istituti Tecnici Superiori, scuole di eccellenza ad alta specializzazione tecnologica, che avrebbero dovuto sorgere a Fara Sabina e Rieti - dichiarano il Vicesindaco e assessore alle attività produttive e il consigliere con delega alla scuola del Comune di Rieti, Daniele Sinibaldi e Letizia Rosati - Convinti che la Provincia di Rieti non possa rimanere esclusa da un percorso fondamentale che avrebbe visto nascere una scuola di specializzazione in logistica 4.0 a Fara Sabina e in Agricoltura 4.0 a Rieti, chiediamo da subito un incontro urgente all’assessore regionale a lavoro, formazione e scuola della Regione Lazio Claudio Di Berardino al fine di verificare ogni possibile soluzione da mettere in campo evitando che, ancora una volta, il territorio reatino venga dimenticato dalla Regione Lazio. Serve probabilmente maggiore condivisione, a partire dal coinvolgimento degli Enti locali e del Comune di Rieti, su un processo fondamentale per il futuro dell’istruzione e della formazione finalizzata allo sbocco nel mondo del lavoro».

Fabio Refrigeri
«La mancata approvazione dei due ITS che dovranno essere istituiti nella provincia di Rieti non dipende assolutamente da una volontà politica della Regione Lazio, che anzi sta mettendo in campo tutti gli strumenti necessari per recuperare una situazione che esula da proprie responsabilità - afferma il presidente della Commissione Bilancio della Regione Lazio, Fabio Refrigeri - I criteri di selezione dettati dall’Avviso sulla base della normativa vigente, hanno determinato   infatti l’approvazione di solo 5 fondazioni ITS sul totale delle 13 domande presentate nei 6 ambiti individuati dalla Regione. Comprendo l’attenzione sulla questione ma non è assolutamente necessario creare inutili allarmismi perché gli ITS, compresi quelli già approvati, nella regione partiranno tutti insieme. Gli uffici regionali sono infatti già al lavoro per costruire un nuovo percorso che permetterà di pubblicare già la prossima settimana l’avviso per permettere di coprire i 3 ambiti che sono rimasti scoperti, tra cui quello per la Mobilità sostenibile- logistica e quella per il Sistema Agroalimentare che interessano Rieti, in modo da creare un sistema di formazione di reale eccellenza in grado di fornire  quell’alta specializzazione tecnologica capace di creare concretamente positive ricadute sul territorio con benefici per i nostri giovani anche in termini occupazionali e per il sistema economico e sociale dell’intera regione Lazio. Credo che in questa fase la serietà nella valutazione dei progetti che andranno a incidere sul futuro sviluppo del territorio sia un valore da salvaguardare e non da biasimare».

© RIPRODUZIONE RISERVATA