Rieti, Russo e Kalombo ko: contro il Potenza
si punta tutto sul 3-5-2 e sul duo De Paoli-De Sarlo

Sabato 1 Febbraio 2020 di Marco Ferroni
Morrone e Kalombo
(foto Meloccaro)

RIETI - Russo è out, Kalombo pure, ma il Rieti di Roberto Beni, che domenica 2 febbraio alle 15 (arbitro  Carrione di Castellammare di Stabia) proverà a violare il Viviani di Potenza, non cambierà di certo il suo atteggiamento tattico. Contro i lucani, guidati ancora una volta in attacco dal redivivo Carlos França (decisivo domenica scorsa nell'1-0 col Bisceglie), la formazione amarantoceleste proverà a confermare innanzitutto ciò che di buono si è visto sette giorni fa contro la Casertana e dare l'assalto ad una vittoria lontano dallo Scopigno che manca ormai all'appello dallo scorso 27 ottobre.

IL MODULO
Come detto, si ripartirà dalle certezze di Beni, ossia da un 3-5-2 che sembra essere l'abito giusto per una squadra rifinita durante la sessione invernale del mercato, proprio per recitare quel tipo di modulo. I cinque di centrocampo, infatti, rappresentano il punto d'equilibrio sia per la fase difensiva, che per quella offensiva ed è chiaro che in questo momento, dovendo recuperare terreno rispetto alle dirette concorrenti nella lotta alla salvezza, Beni cercherà quanto più possibile di affidarsi agli uomini migliori e al modo di giocare che più si confà alle loro caratteristiche. E ieri mattina, nel corso della rifinitura svolta al Gudini, è apparso chiaro a tutti quale sarà l'undici di partenza con cui il Rieti affronterà un avversario in salute, quarto in classifica a -3 dal podio, con una difesa che ha subìto appena 15 gol ed è la migliore del girone, seconda in C solo a Vicenza (10) e Monza (11) rispettivamente leader degli altri due raggruppamenti.

DE SARLO-DE PAOLI IN ATTACCO
E con Merelli certo della riconferma tra i pali - il portiere del Padova ha scalzato sia Addario, che Pegorin - la linea difensiva a tre si baserà sull'esperienza di Aquilanti, i centimetri di Celli e la rapidità di Esposito. Sulla mediana, invece, mancando Kalombo, che avrebbe potuto esordire sin dal primo minuto, i due esterni saranno ancora una volta Zanchi (a sinistra) e Tiraferri (a destra), col terzetto Tirelli-Zampa-Serena a comandare le operazioni nel mezzo. In avanti, invece, l'assenza di Russo avrà sicuramente il suo peso specifico perché i guizzi e gli strappi dello scugnizzo partenopeo sarebbero potuti essere mortiferi per i difensori del Potenza, di conseguenza Beni punterà tutto sulla fisicità di De Sarlo ed i piedi buoni di De Paoli, tenendosi la carta Persano per la seconda parte del match.

ECCO I NUMERI SCELTI DAI NUOVI
Infine, per i nuovi arrivati la mattinata è stata anche l'occasione per scegliere i numeri di maglia: Persano giocherà con la 32 indossata fino a dicembre da Marcheggiani, Morrone ha preferito la 21, Kalombo la 23, mentre Fiumara ha "riesumato" la 15 di Beleck e Rasi andrà in campo con la 28.

IL PROGRAMMA DELLA XXIV GIORNATA
Sabato 1 febbraio ore 20,45:
Paganese-Cavese;
Domenica 2 febbraio ore 15:
Bisceglie-Avellino
Casertana-Picerno;
Catania-Monopoli;
Potenza-Rieti;
Teramo-Rende;
Ternana-Sicula Leonzio;
Domenica 2 febbraio ore 17,30:
Bari-Virtus Francavilla;
Catanzaro-Viterbese;
Vibonese-Reggina
Bisceglie-Avellino

CLASSIFICA: Reggina 53 punti, Bari e Ternana 47, Monopoli e Potenza 44, Catanzaro 35, Teramo 34, Catania 33, Viterbese 32, Cavese 31, Virtus Francavilla 30, Paganese 29, Vibonese, Casertana e Avellino 28, Picerno 24, Bisceglie 17, Rende 15, Sicula Leonzio 12, Rieti 11.

Ultimo aggiornamento: 17:20 © RIPRODUZIONE RISERVATA