Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Rieti, Angelo Ciani: quando
la poesia si mette in movimento

Poesie in movimento
di Christian Diociaiuti
2 Minuti di Lettura
Lunedì 18 Aprile 2016, 15:11 - Ultimo aggiornamento: 15:15

RIETI - La poesia che prende forma e si fa errante per coinvolgere tutti, condizionarne la quotidianità. È solo un riassunto di quel che vuole essere l’evento “Poesie in Movimento”, a cura di Angelo Ciani, giovane reatino (è di Poggio Fidoni) che martedì 19 aprile al Be’er Sheva di via dei Pozzi, a Rieti, presenterà con una performance i suoi scritti. “Lo scopo della manifestazione Poesie in Movimento - spiega Ciani - è quello di far uscire le poesie dal loro normale contesto abituale, il libro, togliendone la loro appartenenza e lo stereotipo di cui, fin dal principio si fanno portatori, ovvero quello di essere fruibili ad una sola ristretta cerchia d'élite culturale”.

Sarà una performance singolare, che si rifà alle esperienze della poesia errante, cinetica e dinamica: le poesie di Angelo Ciani verranno appese al soffitto del locale e tutti potranno fruirne liberamente, in un certo senso "rubandol"e, per dedicarle a chiunque o semplicemente leggerle e farle proprie. “Servirà per applicargli il movimento, affinché dalla carta stampata vadano dentro le persone, avvolgendogli l'anima, perché è questo, da sempre, che fanno le poesie”, aggiunge Ciani.

Le poesie rimarranno esposte fino a domenica 24 aprile al Be’er Sheva. La serata di martedì, dalle 22, sarà un vero e proprio spettacolo: così, tra un drink e una chiacchierata, ragazzi nascosti nel pub d'improvviso leggeranno alcune delle poesie di Ciani. L’evento si svolge con la partecipazione dell’associazione La Cantinella (Simone Ciani e Giulia Sebastianelli) e quella di Jessica Sebastiani; l’autore reatino ha voluto ringraziare per la collaborazione Chiara Fallavolita, l'associazione culturale giovanile Ci Vuole Un Senso e la rivista Mi faccio di cultura.

© RIPRODUZIONE RISERVATA