Rieti, scavo dei Plus nel centro
ricoperto di terra
Il Comune: "Tutto censito e fotografato"

Venerdì 16 Ottobre 2015
La terra messa sopra lo scavo
RIETI - Scavi dei Plus, coperto di terra uno degli scavi in cui erano riemersi scheletri e altri reperti. Sui punti in cui, durante gli scavi dei lavori, sono emersi reperti archeologici (frammenti di mura) e scheletri, Comune e Soprintendenza dovevano decidere cosa fare, se coprirli o lasciarli visibili.



Questa mattina, nello scavo dal lato di piazza Vittorio Emanuele II, è stata posizionata la terra, a coprire scheletri e altri frammenti di ossa riemersi. Ancora fermo, con una copertura provvisoria, lo scavo dal lato di piazza Cesare Battisti, dove sono presenti frammenti di mura.



LA NOTA DEL COMUNE

"L’Amministrazione comunale, in accordo con la Soprintendenza per i beni archeologici del Lazio - spiega una nota del Comune di Rieti - ha proceduto a ricoprire l’intera zona del cantiere Plus di piazza Vittorio Emanuele II (di fronte il Bar Quattro Stagioni) dove nei mesi scorsi erano emersi reperti murari e resti ossei. I ritrovamenti sono stati censiti, fotografati e georeferenziati da un archeologo e ricoperti secondo le modalità di conservazione concordate con la Soprintendenza stessa.

Quanto è emerso nella zona oggetto dell’intervento sarà comunque visibile all'interno della Sezione archeologica del Museo civico che sarà dotata di attrezzature 3D per visionare tutti i ritrovamenti emersi in occasione dei lavori compiuti in diverse zone del centro storico.

L'appuntamento per la cittadinanza è in occasione del convegno internazionale che permetterà di far conoscere tutte le scoperte archeologiche di questo periodo, comprese quelle emerse durante le campagne di scavo nella Necropoli di Campo Reatino". Ultimo aggiornamento: 17:52 © RIPRODUZIONE RISERVATA