Oggi a Rieti arriva il ministro dell'Istruzione Patrizio Bianchi

Oggi a Rieti arriva il ministro dell'Istruzione Patrizio Bianchi
di Giacomo Cavoli
3 Minuti di Lettura
Lunedì 17 Gennaio 2022, 00:10

RIETI - Il ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi sarà a Rieti oggi pomeriggio. Ad una settimana dalla faticosa riapertura delle scuole dopo la pausa natalizia, il Ministro Bianchi giungerà nel capoluogo di provincia per visitare la sede reatina di Ibm e assistere alla presentazione del programma “P-Tech”, sinergia pubblico-privata per il potenziamento della formazione scolastica e universitaria nell’ambito delle materie Stem.

Ad affiancare il Ministro saranno presenti anche il presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti, il dirigente dell’Ufficio scolastico provinciale Michele Donatacci e i dirigenti scolastici delle scuole reatine, che il ministro Bianchi incontrerà in seguito alla presentazione del programma.

La visita. Dalle 15.30 alle 16.20, Bianchi visiterà la sede Ibm di largo Graziosi; dalle 16.30 e fino alle 17.30 sarà invece all’istituto tecnico economico “Savoia” di viale Maraini, per la presentazione del programma “P-Tech” e del progetto “Skilsbuild”. Da lì, fino alle 18.30 Bianchi incontrerà poi i presidi delle scuole reatine.

Il programma “P-Tech Espeti digitali”. Il programma “P-Tech Esperti Digitali” è stato avviato da Ibm in Italia il 21 novembre 2019, in collaborazione con partner pubblici e privati. Ad aderire sono state anche quattro scuole superiori di Rieti (IIS "Luigi di Savoia", IIS "Carlo Jucci", IIS "Statista Aldo Moro" e IIS "Celestino Rosatelli"), facendo così salire a a 530 gli studenti che, tra Taranto e Rieti, affronteranno il primo, secondo e terzo anno del programma.

Obiettivo del modello formativo, quello di creare un legame più stretto tra la scuola secondaria, l'università e l'ecosistema industriale per promuovere le nuove competenze professionali richieste oggi dal mercato.

Gli studenti potranno frequentare le lezioni in presenza e, se la situazione pandemica lo richiedesse, in remoto tramite videoconferenza, dato che il programma è stato strutturato fin dall'inizio per essere seguito in entrambe le modalità. Alla fine dei primi tre anni di scuola superiore, gli studenti di P-Tech potranno proseguire la loro formazione all'Università associata al progetto senza la necessità di dover superare i test d'ingresso, potendo inoltre sfruttare i crediti formativi con i quali accelerare i tre anni accademici. L'obiettivo è la laurea in Ingegneria Informatica denominata "P-Tech Digital Experts".

© RIPRODUZIONE RISERVATA