PalaSojourner ancora chiuso al pubblico, monta la protesta dei tifosi. Contro Calisse anche Pd e Angelucci

PalaSojourner ancora chiuso al pubblico, monta la protesta dei tifosi. Contro Calisse anche Pd e Angelucci
3 Minuti di Lettura
Sabato 23 Ottobre 2021, 19:10 - Ultimo aggiornamento: 19:11

RIETI - PalaSojourner, monta la protesta per la mancata riapertura al pubblico. Da una parte il presidente della Provincia Mariano Calisse, che aveva promesso il ritorno dei tifosi sugli spalti (inizilamente su una tribuna) per domani, 24 ottobre, che su proprio profilo facebook dà la colpa «ai burocrati». Dall'altra la rabbia dei tifosi sia sui social che all'ingresso del PalaSojourner dov'è stato sistemato uno striscione che recita «caso palazzo dimissioni e via dal c...». Presa di posizione contro il presidente della Provincia anche dal Pd Città di Rieti e dal consigliere Alessio Angelucci,

La nota del Pd Città di Rieti


Il presidente della Provincia di Rieti continua imperterrito e spudoratamente a prendere in giro i cittadini di Rieti.
Sono ormai mesi che Calisse disattende gli annunci, confonde le idee, tenta di farsi bello agli occhi dell’opinione pubblica. Oggi scopriamo che il PalaSojourner ancora non potrà riaprire al pubblico a causa di lavori che potevano essere tranquillamente portati a termine durante il fermo delle attività sportive causato dalla pandemia, essendo i fondi necessari già stati stanziati dalla Regione Lazio da moltissimo tempo.


Questa è solo l’ultima delle figuracce che lo spericolato annunciatore seriale di inaugurazioni inanella, dopo quella della piscina o ancor peggio della nuova sede dell’Università a palazzo Aluffi in via Cintia, finanziata, progettata e avviata alla realizzazione ai tempi dell’amministrazione Melilli, che Calisse ha già dichiarato di essere pronta una decina di volte negli ultimi 2 anni. Riteniamo assai grave questo modo di amministrare. Manca il rispetto di ogni scadenza sia essa quella dell'inizio del campionato o della stagione natatoria o dei corsi universitari. 


Il  Presidente Calisse, parafrasando un noto film hollywoodiano, dal punto di vista amministrativo è solo chiacchiere e distintivo.
 

La nota del consigliere provinciale Angelucci

Apprendo con sdegno ma purtroppo non con meraviglia, che il Palasoujorner resterà ancora chiuso al pubblico, nonostante il trionfale comunicato di Calisse e la vendita degli abbonamenti.


L’atteggiamento del presidente della provincia è alla base dell’acutizzarsi di molti problemi della nostra terra, infatti la spocchia con la quale gestisce il suo ruolo, sta facendo sbocciare solo frutti amari per tutti i reatini.
Questa vicenda è una colossale presa in giro per l’intera città e per tutto il mondo sportivo, mi auguro, una volta tanto, che ci sia un sussulto di opposizione corale, capace di restituire al basket reatino la dignità che gli spetta.

Calisse su facebook

Palasojourner, i lavori necessari per riaprire almeno una tribuna sono finiti, questo non è bastato per accontentare qualche burocrate incallito, mi dispiace ma continuiamo a lavorare per mettere a posto fino all’ultima virgola!

© RIPRODUZIONE RISERVATA