Rieti, Npc esordio al PalaSojourner
col botto: Napoli ko 79-62.
Brilla la stella di Pastore. Foto

Mercoledì 16 Ottobre 2019 di Emanuele Laurenzi
La gioia a fine gara (Foto Meloccaro)

RIETI - Una prima col botto per la Zeus Rieti che schianta Napoli all’esordio al PalaSojourner. Il recupero della prima di campionato finisce 79-62, con una Rieti a tratti devastante e al limite della perfezione, come nella parte centrale del primo quarto quando piazza l’allungo che poi sarà decisivo.
 

 

Difficile trovare un giocatore che non vada ben oltre la sufficienza, ma sulla partita sono in due a mettere il marchio: Elijah Brown, autore di 23 punti e, soprattutto, Andrea Pastore con 14.

L’italiano è letteralmente devastante quando entra in campo e spacca la partita in due occasioni: nella prima frazione, quando dà il là all’allungo e poi nel terzo quarto, quando entra in un momento di empasse, rimette in riga i suoi e a 1’15 dalla fine del periodo infila la tripla del 61-42 che, di fatto, chiude l’incontro e toglie le ultime speranze ad una Napoli che al rientro dall’intervallo lungo stava provando a rientrare. Da applausi anche Filoni, seppur limitato da 3 falli nei primi  3’, capitan Vildera, un Fumagalli concreto e un Passera pronto nei momenti in cui serviva.

Tante conferme, insomma, per coach Alessandro Rossi, che vede l’emozione dell’esordio rompersi dopo nemmeno 5’: al primo giro di boa si arriva sull’11-10 Rieti, ma da quel momento in poi è solo amarantoceleste in campo. Brown e Cannon giocano ad alti livelli e propiziano il primo parziale di 11-0 che porta Rieti sul 22-10. I partenopei producono solo 4 punti e ad inchiodare il primo parziale sul 29-15 è una tripla di Pastore a fil di sirena.

Al rientro la Npc continua a spingere sull’acceleratore e vola sul 35-20 dopo 3’. Gli ospiti sono poca cosa, provano ad accorciare con una tripla di Sandri, ma Passera mette il 41-26, con il nuovo allungo che arriva ad un paio di minuti dalla fine, quando Pastore mette la tripla del 46-32 e poi ruba palla servendo a Brown il pallone del 49-32 con cui si va al riposo. Coach Lulli striglia i suoi che, al ritorno sul parquet, infilano un parziale di 7-1 che li porta sul 50-39. A muovere il tabellino è Vildera che mette il 52-39, poi Rieti allunga con le giocate di Brown e, soprattutto, con un’altra tripla di Pastore che vale il 61-42 a 1’ dalla fine. Napoli segna con Spera a 3” dalla fine e Fumagalli, praticamente dalla sua area, trova una tripla in ciaf a fil di sirena che vale il 65-44 dell’ultimo riposo. Un colpo da ko per Napoli che al rientro in campo subisce l’onda d’urto reatina, con i padroni di volano fino al +28 (74-66) grazie ad una tripla di Brown e ad un 1/3 ai liberi di Zucca a 7’30 dalla fine.

La gara di fatto finisce qui, con Rieti che si addormenta un po’, Napoli che rosicchia qualche punto mandando Sherrod e Roderick in doppia cifra (15 a testa), mentre Rossi fa esordire Mammoli e Finco e Vildera completa la festa salendo a quota 14 con un 7/7 dal campo che gli vale il 100% al tiro.

IL TABELLINO
Zeus Npc Rieti: Brown 23 (4/8, 2/6), Vildera 14 (7/7 da 2), Cannon 8 (4/7, 0/1), Passera 6 (3/5 da 2), Pastore 14 (1/2, 3/5), Zucca 4 (1/1, 0/2), Fumagalli 6 (1/3, 1/2), Nikolic, Filoni 3 (1/2 da 2), Finco, Stefanelli ne. All. Rossi.
GeVi Napoli: Chessa 6 (3/5, 0/6), Sandri 8 (1/4, 2/4), Sherrod 15 (6/11, 0/1), Roderick 15 (4/8, 0/3), Spizzichini 10 (3/4 da 2), Monaldi 2 (1/4 a 2), Guarino, Dincic (0/1 da 2), Spera 6 (2/4 da 2), Milosevic, Klacar. All. Lulli.
Arbitri: Caforio (Br), Saraceni (Bo), Marota (Ap).
Note. Tiri liberi Rieti 17/27, Napoli 16/20 . Tiri da 3 Rieti 6/16, Napoli 2/14. 5 Falli: Filoni, Roderick.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma, sul tram 8 l'incontro con l'assassino

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma