Rieti, Ri Finest Crew, primo album
per il gruppo composto rappers,
videomakers e produttori reatini

Mercoledì 13 Maggio 2020 di Lorenzo Quirini
Ri Finest Crew
RIETI - A qualcuno sarà capitato di sentirli rappare  in concerti, festival o semplicemente per le vie del centro, ed ora la Ri Finest Crew raggiunge il traguardo del primo album, intitolato “La Teoria del Filo Rosso”. Un esordio che assume un valore ancora più profondo, poiché deriva in primis da un gruppo legato da una stretta amicizia, composto da rappers, videomakers e produttori reatini.

D’altronde la stessa Rieti, con i pro e i contro della sua realtà, fa un po’ da musa per i testi dell’album e per il nome stesso della RI Finest Crew, una realtà emergente ma già ben radicata nel territorio, con centinaia di ascoltatori sulle piattaforme online.

Verrebbe da definire la Crew come “una culla del rap” a Rieti, vista la forte inclusione che ne è alla base, con l’intento di accogliere a braccia aperte chi voglia cimentarsi in un genere musicale in cui i giovani si rispecchiano sempre più.

«Quella del filo rosso – spiegano gli autori – è una teoria che serve per spiegare la pluralità dei possibili scenari nel futuro, che però smetto nodi esistere dal momento che si sceglie una cosa e non tutte le altre. Il concetto principale è che siamo arrivati qui, a questo album, seguendo tutti il nostro filo rosso, che ci ha portato a fare scelte insieme, a seguire tutti lo stesso filo e non le altre possibilità».

Un concetto di coesione che si percepisce anche ascoltando i brani dell’album, interamente prodotto dalla crew reatina.

RI Finest è composta da Carlito, Reppa, Red, Matt B [rappers]; Zic Heads, Long D [producers]; Wakizashi [producer e video maker]; Vania Scoppetta e Elisa Mattei [management]

Per ascoltare la Teoria del Filo Rosso su Spotify: https://open.spotify.com/album/3SyfJGghy8PSHimy7Rp3iX#login © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani