Rieti, per la Lupa un 2-2 in rimonta
nella sfida salvezza con Ischia
Allo Scopigno si torna il 30

Una fase di Lupa-Ischia
di Christian Diociaiuti
4 Minuti di Lettura
Sabato 16 Gennaio 2016, 16:18 - Ultimo aggiornamento: 19 Gennaio, 14:47

RIETI - Lupa ancora a punti per la seconda volta consecutiva ed ancora sulla sirena. Finisce 2-2 lo scontro salvezza dello Scopigno con l'Ischia. Vantaggio ospite, poi pareggio di Petta e in chiusura di primo tempo raddoppio di Kanoute. Quando la gara stava per chiudersi con una vittoria degli ischitani, nonostante il forcing della squadra di casa, ecco il rigore che regala un punto alla squadra di Di Franco. A realizzarlo è Morbidelli, che durante la gara aveva fallito un'occasione d'oro. Un punteggio meritato per la Lupa che di fatto ha gestito meglio il match, pur in svantaggio. Fischiata la formazione campana dai circa quindici tifosi ospiti presenti alle pendici di un Terminillo innevato. Prossima uscita della Lupa a Benevento in esterna; allo Scopigno si rigioca sabato 30 gennaio alle 15.

IL PRIMO TEMPO

Rispetto a quanto ipotizzato alla vigilia, Di Franco sceglie un 4-3-3 che in mezzo al campo vede agire Strasser, il neoarrivato Prutsch e Falasca mentre in attacco ci sono Morbidelli, Scardina, Mastropietro. Per Porta (allenatore della Berretti chiamato a traghettare il team ischitano dopo la rescissione di Bitetto) un 4-3-3 in cui spicca il centrale offensivo Kanoute. Parte benissimo la squadra di casa: Mastropietro a tu per tu con Iuliano, non riesce ad insaccare visto che il portiere para chiudendo le gambe. Non è neanche il 3' di gioco. Quattro giri di lancette dopo Petta, sugli sviluppi di un corner colpisce la traversa. In questa sfortuna della Lupa, ne approfitta l'Ischia che con Kanoute va a segno. Il centravanti dei campani gode di un pasticcio di Prutsch e Petta per segnare. Risposta entro il quarto d'ora: il colpo di testa su corner stavolta gonfia il sacco e vale l'1-1. Il resto del primo tempo non è esente dalle azioni interessanti: al 22' Kanoute manca di poco l'appuntam,ento col gol, così come fa Morbidelli quasi alla mezzora, quando colpisce la traversa. A 5' dalla fine della prima frazione, cross di Calami da sinistra e Kanoute mette dentro di primissima intenzione con l'Ischia che va negli spogliatoi in vantaggio.

LA RIPRESA

La Lupa fa la partita in avvio di ripresa, con l'intenzione almeno di pareggiare. Le chance capitate, però, non gli arridono. Entrano in corsa anche Icardi e debutta Maiorano con la maglia della Lupa, proprio in sostituzione di un altro debuttante, il centrocampista Falasca, in arrivo dall'Olbia (Serie D, gruppo G). Morbidelli quasi alla mezzora scodella una punizione in area, Aquaro di testa in area non dà forza e spedisce tra le braccia del portiere ospite. Punizione pericolosa qualche minuto dopo per l'Ischia: Calamai batte dal limite, la sfera si insinua in mezzo alla barriera ma Secco para. Sulla ripartenza sembra fatto il gol per la Lupa: palla da sinistra di Maiorano per Morbidelli che spara altissimo una palla praticamente solo da appoggiare a rete. Al 40' la Lupa chiede rigore su Maiorano, ma per il direttore di gara è simulazione e ammonizione per il giocatore romano neoentrato. Nel finale gli animi si accendono in campo: accenno di rissa su una palla contestata, il direttore di gara alza il cartellini e fa proseguire ristabilendo l'ordine. Sull'azione conseguente rigore per la Lupa: Armeno tocca di mano in area ed è penalty, realizzato da Morbidelli il quale chiude sul 2-2 il match proprio sul triplice fischio.


MISTER DI FRANCO

"Oggi visto il gioco fatto meritavano di più. In campo c'è stata una squadra e questa eravamo noi. Non abbiamo tempo, dobbiamo sfruttare al meglio ogni minima cosa perchè siamo con l'acqua alla gola. Nel primo tempo bella reazione sullo svantaggio, nella ripresa siamo passati da 4-3-3 a 4-2-3-1. Premiati nella voglia di non voler soccombere. Mercato? La società sa che cosa serve. Oggi il pari ci sta stretto".

Intanto da segnalare che il difensore Mazzei ha rescisso: andrà a Fondi in D.

IL TABELLINO

Lupa: Secco, Rosato (36' st Roberti), Petta, Aquaro, De Gol, Strasser (1' st Icardi), Prutsch, Falasca (18' st Maiorano), Morbidelli, Scardina, Mastropietro. A disp: Tassi, Carta, Scicchitano, Montesi, Ricamato, Kosovan, Lucarini, Proietti. All. Di Franco.

Ischia: Iuliano, Florio, Filosa, Moracci, Bruno, Calamai, Spezzani, Palma, Armeno, Kanoute, Porcino (32' st Guarino). A disp: Modesti, Savi, Bargiggia, De Clemente, Manna, Di Bello, D'Angelo. All. Porta.

Arbitro: Zingarelli di Siena (Donvito di Monza e Selicato di Siena)

Reti: 10' pt Kanoute, 14' pt Petta, 41' pt Kanoute, 47' st Morbidelli su rigore

Note: ammoniti Calamai, Petta, Maiorano, Icardi, Palma, Armeno; angoli 8-3; recupero 1'-3'; 28 spettatori paganti, incasso 280 euro, non ci sono abbonati.

LA GIORNATA

Lupa Castelli Romani-Ischia Isola Verde 2-2
Akragas-Matera 1-4
Juve Stabia-Melfi
Messina-Benevento
Foggia-Paganese
Catania-Monopoli
Fidelis Andria-Lecce
Martina Franca-Cosenza
Casertana-Catanzaro

LA CLASSIFICA

Casertana 34
Foggia 32
Lecce e Cosenza 30
Benevento 29
Matera * 28
Messina 25
Andria 23
Catanzaro 22
Juve Stabia 21
Monopoli 19
Catania e Paganese 18
Melfi 17
Akragas* 16
Ischia* 15
Martina Franca 11
Lupa Castelli Romani*7
* una gara in più

© RIPRODUZIONE RISERVATA