Rieti, gli appuntamenti della domenica in città e in tutto il Reatino

Michele Rech alias Zerocalcare e il suo personaggio
4 Minuti di Lettura
Domenica 12 Settembre 2021, 00:10

RIETI - Gli appuntamenti della domenica in tutto il Reatino.

L’intervista con il fumettista Michele Rech, alias Zerocalcare, inizia con accolli, impicci e malintesi. Accolli è il nome della sua mail, gli impicci sono quelli che fa dando il numero di telefono di sua madre anziché il suo, i malintesi sono quelli da chiarire con la signora. Zerocalcare arriverà al Polo Santa Lucia di Rieti oggi alle 17.30, nella Fiera dell’editoria indipendente “Liberi sulla Carta”, ed è boom di prenotazioni. «Davero? Non lo sapevo», commenta con l’accento romanesco made in Rebibbia. Lo stesso quartiere che gli ha regalato un’enorme popolarità durante il lockdown, quando la sua serie animata Rebibbia Quarantine, rimbalzata in tv su “Propaganda Live”, è entrata nelle case di tutta Italia. È definito “il più famoso fumettista italiano”, ma lui glissa. «Vendo tanti fumetti, ma non sono né il più bravo né il più sveglio. Poi c’è la tv che ha fatto la sua parte. Mi sento abbastanza in difficoltà a portare la mia persona in tv, mi vergogno. Preferisco andare quando devo presentare un prodotto, è un mondo troppo distante da quello a cui appartengo». Il “mondo” di Zerocalcare è quello «di centri sociali, punk, quartiere. La popolarità televisiva svanisce subito, basta non comparire per un po’ e la gente dimentica. Nei giorni in cui andavo a “Propaganda” mi fermavano tutti: per strada, al supermercato, mi chiamavano dalle finestre. Non vivo con particolare apprensione né successo né indifferenza. Eventi a parte, lavoro dalle 8, faccio una pausa per mangiare alle 17, al massimo una corsetta, poi lavoro fino a mezzanotte. Nel lockdown andare negli studi era salvifico, l’unico momento in cui uscivo: fermo restando che sono abituato a vivere solo, cucino schifezze, ma sto ‘na bomba». Ma come si fa a non cambiare stile di vita con la fama? «Ho comprato casa mentre prima stavo in affitto, spendo quasi solo in fumetti e cinema, non compro vestiti e ho consumi al minimo. Magari comprerò più fumetti e andrò più al cinema». Il lavoro aumenta, ed è in arrivo anche una serie animata per Netflix. Aumentano anche responsabilità e impegni, ma «niente manager, faccio tutto io, ho la mania del controllo», e sale l’attenzione verso i tanti ragazzi che lo seguono: «Ho sempre detto parolacce e non smetto di farlo, ma sto attento non dico a dare messaggi positivi, ma almeno a non fare danni. Non scado mai nella volgarità e non alimento odio». Agli odiatori da web Michele non risponde, «al massimo faccio screenshot per riderci con gli amici». Zerocalcare piace davvero a tutti: «Forse perché non ho inseguito manie di perfezione ma ho raccontato come sono io e siamo tutti. Non sarei capace di rappresentarmi in altro modo, chi mostra l’immagine del vincente mi sembra un mitomane. La chiave è quella di essere onesti». Anche per Rieti, si attende un lunghissimo firmacopie, con il pubblico abituato a chiedere “disegnetti” di ogni tipo sui libri di fumetti. «Lo faccio volentieri e mi riesce anche a comando tipo jukebox. Certo, de cose strane ne capitano». Tipo? «Una volta un tipo mi ha portato una foto che ritraeva due gemellini, voleva che li disegnassi immaginandoli da grandi mentre litigavano, ma che si capisse che si volevano bene. M’ha bloccato la fila».

Amatrice a cavallo”, fino a oggi, nella frazione di Torrita. Si tratta della prima edizione della fiera mercato. Giornate dedicate interamente ai cavalli, tra sfilate di carri e carrozze, bancarelle, valutazioni ufficiali CaiTpr e AnaCaipTpr, oltre a spettacoli equestri. E, ancora, stand con prodotti tipici del Lazio, butteri, show, giri di carrozze per grandi e piccini. In programma, nelle serate, spettacoli musicali con organetto, saltarello e musica country: stasera, cena e animazione a ritmo di musica country e serata musicale con Gianluca Greco e il suo organetto. Prevista la degustazione degli spaghetti all’amatriciana a pranzo, insieme alla porchetta, in tutte le giornate. L’ingresso è gratuito, nel rispetto delle normative antiCovid.

Oggi (dalle 10), alla Casa della Montagna di Amatrice, il Coordinamento Amatrice Transumanza presenta le attività svolte.

Cavalli protagonisti oggi anche in Sabina, presso il Centro ippico Fise San Lorenzo a Roccantica, con raduno di valutazione AnaCaipTpr dalle 10 alle 17.

ll cammino del teatro in Sabina: questa sera alle 21.30, al teatro Comunale di Poggio Moiano, arriva il teatro esplosivo di Max Paiella, che presenta “Boom!”, viaggio musicale in un autobus immaginario, accompagnati dalle canzoni del boom economico degli anni ‘50 e ‘60. Una famiglia di musicisti, Pino, Livia e Flavio Cangialosi riempiranno di atmosfere sonore il racconto di Paiella. Per gli spettacoli, ingresso 5 euro con prenotazione all’e-mail postmaster@sentieriincammino.com e presentazione di Green pass.

© RIPRODUZIONE RISERVATA